80.000 dollari per diventare una Barbie umana. Adesso punta alla clonazione (per un valido motivo)

0
177
marcela iglesias barbie clonazione

Dopo aver speso migliaia di dollari per diventare una Barbie umana ora è intenzionata a creare un esercito di cloni.

Marcela Iglesias, mamma di 43 anni che vive a Los Angeles, negli Stati Uniti, ha speso circa 80.000 dollari (più o meno 70.000 euro) in procedure cosmetiche per assomigliare alla celebre bambola giocattolo, precisando di non essersi mai sottoposta ad un intervento di chirurgia plastica.

La 43enne ha recentemente appreso della clonazione umana ed è convinta che questo processo potrebbe aiutare a salvare vite tramite la donazione degli organi.

LEGGI ANCHE => Il 17enne che vuole essere come la bambola Ken: “Mai fatto interventi di chirurgia plastica”

Marcela si è interessata all’argomento grazie al professor Nakauchi dell’Università di Tokyo, che ha condotto ricerche sugli organi basati sulle cellule staminali di un paziente. La 43enne si è detta convinta che la clonazione sia già in atto, ma che sia necessario mantenerla “segreta” al pubblico.

Pertanto, Marcela è più che mai determinata ad avere il suo esercito di Barbie, in modo da poter donare i suoi organi a chi ne ha bisogno. “Voglio essere clonata e poi vedere se possiamo usare quegli organi per la donazione oppure per me stessa in un prossimo futuro”, le parole di Marcela riportate anche dal Mirror.

“Se avessi un rene da donare, oggi mio padre sarebbe qui con me”

“Un esercito di cloni da utilizzare per una buona causa sarebbe fantastico – ha poi aggiunto – Ci sono molti pazienti che richiedono trapianti di organi, ma pochi donatori. Le mie cellule staminali e alcuni dei miei ovuli possono essere usati per creare organi umani, in modo tale da aiutare le persone che hanno bisogno del trapianto”.

LEGGI ANCHE => La storia della Barbie umana dagli occhi tristi che si è tolta la vita

Marcela è molto sensibile a questo argomento: la 43enne ha vissuto una situazione molto dolorosa con suo padre, che è deceduto dopo aver lungamente atteso invano un trapianto di rene.

“Se avessi un rene per mio padre, oggi sarebbe vivo“, ha concluso Marcela.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here