“Volevo fare meglio”: la storia di Julia Hawkins, l’atleta ultracentenaria che ha stabilito il record dei 100 metri

0
276

Julia “Hurricane” Hawkins ha stabilito un nuovo record dei 100 metri nella categoria over 100: scopriamo chi è l’atleta americana.

Lo sport è una disciplina salutare a qualsiasi età la si pratichi. Finché il corpo ce lo consente possiamo e dovremmo fare attività fisica per mantenerci in forma e ritardare gli effetti dell’invecchiamento. Non è un caso che negli ultimi anni si siano moltiplicate le competizioni per atleti over e che esistano anche le categorie over 90 e over 100. A prendervi parte non sono solo atleti professionisti che hanno abbandonato la carriera agonistica, ma anche tantissime persone che, finita la carriera lavorativa in altri settori si sono appassionati allo sport.

Una di questi è sicuramente Julia Hawkings, ex insegnante che ad 80 anni ha deciso di cominciare a competere in varie discipline sportive, eccellendo nelle prove a cronometro in bici, categoria senior. Il suo talento era tale da permetterle di vincere numerose medaglie d’oro e trofei, ma dopo qualche anno ha deciso di appendere la bici al chiodo. Il motivo non era la stanchezza o la voglia di riposarsi, ma la mancanza di avversari validi da battere.

Leggi anche ->“Se ne va un pezzo della mia vita”: il dolore della Venier per la morte di Galeazzi

Julia Hawkings batte nuovamente il record dei 100 metri

Compiuti 100 anni Julia ha deciso di dedicarsi all’atletica e alle corse in pista. Nel 2017, a 101 anni, l’atleta ha battuto il record mondiale dei 100 metri nella categoria over 100 con il tempo di 39:62. Un primato che è durato sino allo scorso settembre, quando la centenaria Diana Friedman lo ha battuto. Quest’anno Julia competeva per la categoria 105+ e in pista ha dato come sempre il meglio di sé stabilendo il nuovo record mondiale 1:02:95.

Leggi anche ->Muore Ron Flowers, campione del mondo nel 1966: di quell’Inghilterra sopravvivono in sei

Si è trattato dell’ennesimo risultato degno di nota nella sua carriera da atleta, ma quando i media le hanno chiesto se fosse felice per il record ha risposto: “No, volevo scendere sotto il minuto”. Risposta che la dice lunga sul carattere di Julia, la quale ha anche aggiunto che continuerà a correre finché il suo fisico glielo permetterà, non solo per sé stessa ma anche per essere ispirazione ed esempio per gli altri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here