Anagrafe online, si parte: ecco come fare per scaricare i certificati

0
90

A partire da oggi 15 novembre sarà possibile usufruire dei servizi dell’anagrafe online: ecco come fare a scaricare i certificati.

Il progetto ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) è partito nel 2016, quando il comune del ravennate Bagnacavallo ha partecipato alla fase di test caricando tutte le anagrafiche dei suoi 17mila abitanti sui server nazionali. Da quel momento in poi hanno aderito alla nuova strutturazione dei servizi di anagrafe 7.810 comuni italiani ed il database attuale copre 66,5 milioni di cittadini italiani.

Per completare il database nazionale mancano ancora 61 comuni, ma la lista degli assenti si assottiglia ogni giorno di più ed entro breve ogni comune italiano e ogni cittadino avrà la possibilità di usufruire di parte dei servizi svolti dall’anagrafe del proprio comune, comodamente da casa propria. Una possibilità che avranno già a partire dalle ore 8 di lunedì 15 novembre tutti coloro fanno parte dei comuni già inseriti nel database nazionale.

Il servizio online prevede la possibilità di scaricare certificati per i quali fino ad oggi sarebbe stato necessario recarsi allo sportello dell’anagrafe comunale, ecco di quali certificati stiamo parlando:

Anagrafico di nascita

Anagrafico di matrimonio

di Cittadinanza

di Esistenza in vita

di Residenza

di Residenza AIRE

di Stato civile

di Stato di famiglia

di Stato di famiglia e di stato civile

di Residenza in convivenza

di Stato di famiglia AIRE

di Stato di famiglia con rapporti di parentela

di Stato Libero

Anagrafico di Unione Civile

di Contratto di Convivenza

Anagrafe online: ecco come fare a scaricare i certificati

Il vantaggio per ogni cittadino nella possibilità di scaricare i certificati appare evidente. Spesso infatti era necessario recarsi più volte allo stesso sportello per avere quanto desiderato, perché prima bisognava sottoscrivere dei documenti per la richiesta e successivamente c’era il giorno di ritiro del certificato. Un altro vantaggio riguarda i costi dei certificati, visto che il governo ha intenzione di prorogare per tutto il 2022 l’esenzione del costo della marca da bollo digitale.

Leggi anche ->I Simpson colpiscono ancora: prevista la tragedia al concerto di Travis Scott?

Per accedere al servizio vi basta andare sul sito www.anpr.interno.it e accedere al proprio profilo tramite Spid, Carta d’Identità elettronica o con la Carta Nazionale dei Servizi. Una volta effettuato l’accesso dovrete semplicemente cercare il certificato che vi interessa e scaricarlo. Può essere inoltre utile fornire dati come numero di telefono, e-mail o numero fisso per seguire lo stato di avanzamento delle richieste. Se si notano errori di domiciliazione o di dati anagrafici, può essere avanzata ad esempio richiesta di rettifica, un processo che potrebbe richiedere del tempo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here