“Mettetevi quella dannata mascherina, imbecilli”: la sfuriata del giornalista contro i no-vax è virale – VIDEO

0
335

È stata una vera e propria esplosione di rabbia quella che ha visto protagonista il giornalista messicano Leonardo Schwebel, che ha attaccato i no-vax durante un collegamento in diretta.

Leggi anche -> “La mia vita sotto scorta per colpa dei no vax”: Antonella Viola si sfoga ma non fa un passo indietro

Una vera e propria sfuriata, quella del giornalista, divenuta virale  nel mondo – tanto che nella serata di ieri persino ‘Striscia la Notizia’ lo ha fatto entrare nella sua striscia ‘I nuovi mostri’ (al primo posto).

Non ha avuto mezzi termini Schwebel quando, guardando fisso in camera, ha esclamato: “Smettetela di frenare il mondo intero” – rivolto soprattutto a coloro che rifiutano il vaccino anti-Covid.

Ma la sfuriata non si è fermato qui perché Schwebel, impugnando con entrambe le mani la sua mascherina e inveendo verso la telecamera, ha urlato in un accesso di rabbia contro i negazionisti: “Mettetevi quella dannata mascherina!”.

“Se l’avessi detto normalmente non sarei qui”

Schwebel non ha esitato a definire i no-vax degli imbecilli e tale furia televisiva ha fatto il giro del mondo in pochi istanti.

Dopo questa violenta sfuriata, il tono del giornalista è tornato ad essere pacato, spiegando che a volte “occorre gridare perché le persone capiscano. Se l’avessi detto normalmente non sarei qui con voi oggi”.

E mentre in una tv messicana succede questo in Italia continuano i dibattiti e i litigi tra giornalisti convinti no-vax e chi sostiene le posizioni governative.

Come non citare ad esempio il battibecco avvenuto tra il sottosegretario Sileri e la giornalista Iatì.

Ma possiamo citare anche il caso del giornalista Mario Giordano, con le sue controverse prese di posizione a ‘Fuori dal coro’ (di uguale veemenza ma di posizione opposta).

Insomma a volte viene da pensare che quelli che vengono definiti Paesi del terzo mondo in realtà più di tanto non lo siano (ammesso che il Messico possa rientrare nella categoria) e che ci sia più buon senso che nel nostro Paese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here