È morto il doppiatore di Pingu | Addio ad una delle voci più famose d’Italia

0
359

Se n’è andato un altro grande dello spettacolo italiano: molti non lo riconosceranno in viso ma la sua voce rimarrà un icona immortale della tv.

Si è spento ieri, 6 Agosto 2022, nella sua casa di Milano Carlo Bonomi detto anche ‘Carletto’. Aveva 85 anni quando ha detto addio a questo modo dopo una vita piena di successi. È nato il 12 Marzo del 1937, a Milano, sua città da sempre.

Non si è mai allontanato da lì, tanto da incarnare un po’ lo stereotipo del milanese medio: irascibile, buffo, milanesissimo ma anche tenero, a ricordare un po’ i vecchi milanesi alla Piero Mazzarello. Il mondo lo ha conosciuto poco, fuori dalla sua città.

Ma è proprio in quella che è stata tra le prime, grandi metropoli italiane che si è fatto strada nel mondo dello spettacolo ma non sotto la luce diretta dei riflettori. La sua voce ha accompagnato gli italiani, dai più giovani ai più grandi, dai primi anni della tv italiana.

Per i milanesi la sua è una voce inconfondibile, perché fino al 2008 è stata la voce delle Ferrovie dello Stato alla stazione di Milano e di Firenze. Senza accorgercene, ci ha accompagnato per tutta una vita, nascosto dietro un altoparlante e un microfono.

La sua carriera da doppiatore vanta tantissimi progetti famosi. È salito alla ribalta grazie alla sua collaborazione con ‘Carosello’, il famoso show televisivo pubblicitario che andava in onda sul Programma Nazionale, prima ancora di reiventare Rete 1 e, successivamente, Rai 1.

Il programma andava in onda tutti i giorni, dalla prima del 3 Febbraio 1957 all’ultima puntata dell’1 Gennaio 1978. Tutto si basava su piccoli filmati, sketch comici, intermezzi musicali o animati, intervallati a messaggi pubblicitari, le famose réclame.

Fu uno dei programmi più seguiti nella storia della tv italiana e punto di riferimento per tante famiglie e bambini. Quei bambini di allora non potranno certo aver dimenticato ‘La Linea’, cartone animato che andava in onda proprio durante ‘Carosello’.

L’irascibile omino linea nato dall’immaginazione di Osvaldo Cavandoli parlava un incomprensibile grammelot lombardo, parlato proprio da Carlo Bonomi, che alternava la sua voce alle musiche di Franco Godi. Ma Bonomi non ha solo accompagnato i bambini della generazione ’60-’70.

I progetti più recenti di Carlo Bonomi

Molti più giovani lo ricorderanno per la voce di ‘Pingu’ -non solo del piccolo pinguino protagonista, ma di tutti i personaggi della serie- e quella di Bern, nemico mostro di Carletto in ‘Carletto principe dei mostri’. E ancora è sua la voce di Rigodon nel cartone animato ‘Il giro del mondo di Willy Fog’ e quella di Fred Flintstone in ‘Gli Antenati’.

La creatività non aveva fine, tanto che per ‘La Linea’ e ‘Pingu’ fu lui stesso ad inventare gli strani linguaggi dei personaggi, ottenuti imitando suoni vari mischiate a delle onomatopee o assonanze con le lingue oggi esistenti.

Tra gli attori doppiati figura Frank Morgan de ‘Il mago di Oz’, nella versione del 1985. Tra gli altri progetti lavorò tantissimo con Bruno Bozzetto, donando la voce a tutti i personaggi di ‘Lilliput put’ e ‘Scacciapensieri’.

Inoltre è stato la voce di J. Jonah Jameson in ‘L’Uomo Ragno e ‘L’Uomo Ragno e i suoi fantastici amici’. Più recentemente ha dato anche la voce ad alcuni videogiochi, tra questi i più famosi sono i due capitoli della serie di Broken Sword: ‘Broken Sword: Il segreto dei Templari’ e ‘Broken Sword II: La profezia dei Maya’.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here