WhatsApp, arriva la grande novità Community: la gestione dei gruppi non è mai stata così semplice

0
159

Le regole di WhatsApp cambiando da minuto a minuto e dal quartier generale arriva un nuovo ed importantissimo annuncio che fa da sfondo ad una nuova funzione che prende il nome di Community. Ecco di cosa si tratta. 

L’obiettivo degli sviluppatori dell’applicazione di messaggistica è sempre stata quella di rendere la gestione della comunicazione tra utenti sempre più funzionale e intuitiva. Molti di voi ricorderanno ancora i primi anni dell’applicazione prima ancora che arrivassero le foto per contatto e tutti gli altri aggiornamenti che hanno reso l’applicazione così come la conosciamo oggi, ovvero gratuita.

Infatti, un altro esempio pratico e che possiamo cita in tal senso riguarda il cambiamento decisivo che è arrivato con Mark Zuckerberg, quando gli utenti hanno visto WhatsApp diventare un app del gruppo FaceBook (oggi Meta) e allo stesso tempo gratuita.

Le grandi novità, comunque sia, non finiscono di certo qui.

Come abbiamo avuto modo di spiegare precedentemente, nel corso degli anni sono stati davvero numerosi sono stati numerosi gli aggiornamenti lanciati sull’applicazione di WhatsApp, che hanno cambiato il modo di gestire al comunicazione tra utenti.

Adesso, però, sta per arrivare Community, ovvero la funzione che permetterà agli utenti di poter realizzare dei sotto gruppi collegati al principale e fare switch da una chat all’altra, senza dover trasportare file o creare nuovi gruppi principali.

Le parole di Zuckerberg

Ad annunciare all’imminente arrivo della nuova funzione è stato lo stesso Mark Zuckerberg. il quale ha pubblicato una nota diretta alla stampa.

Nella comunicazione in questione, dunque, è possibile leggere le seguenti novità: Community è la funzione che migliora i gruppi abilitando i cosiddetti sottogruppi, thread multipli, canali di annunci e altro ancora. Per l’occasione, lanciamo anche la funzionalità di sondaggi e la possibilità di eseguire videochiamate fino a 32 partecipanti. Il tutto protetto dalla crittografia end-to-end in modo che i messaggi rimangano privati”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here