Il miracolo di Molly, la bimba nata da un embrione congelato nel 1992. All’epoca sua madre aveva solo 18 mesi

0
855
molly embrione

Il progresso della scienza ha permesso ad una madre di dare alla luce un bambino fecondato appena 18 mesi dopo di lei. 

Molly Everette Gibson è nata usando un embrione congelato nell’ottobre 1992, solo 18 mesi dopo la nascita di sua madre, Tina, venuta al mondo nell’aprile del 1991.

‘Miracle Molly’, questo il soprannome dato alla neonata, ha battuto il precedente record detenuto da sua sorella, Emma Wren, che ha trascorso 24 anni come embrione congelato prima di venire alla luce nel novembre 2017.

Entrambi gli embrioni genetici completi sono stati congelati insieme e trasferiti nell’utero di Tina a tre anni di distanza l’uno dall’altro.

“È difficile capirlo, ma per quanto ci riguarda, Molly è il nostro piccolo miracolo”, ha detto la madre al New York Post.

I ricercatori dell’Università del Tennessee affermano che Molly ha fatto il suo ingresso nei libri di storia: mai prima d’ora, nella storia dell’umanità, si è verificata una nascita da un embrione congelato per così tanto tempo.

Tina e Benjamin hanno scoperto l’organizzazione nel 2017

La direttrice del laboratorio del National Embryo Donation Center, Carol Sommerfelt, ha detto al Mirror che si è trattato di un momento “davvero gratificante”.

Tina e il marito Benjamin sono sposati da 10 anni. In passato avevano considerato l’adozione tradizionale, ma all’inizio del 2017 i genitori di Tina le hanno parlato dell’organizzazione senza scopo di lucro volta ad aiutare le donne a concepire con un embrione donatore.

L’idea non è stata subito accolta con entusiasmo dalla coppia, ma con il passare del tempo sia Tina che Benjamin si sono convinti.

Il dottor Sommerfelt, che ha supervisionato il delicato processo di scongelamento di entrambi gli embrioni, ha detto che gli embrioni “vengono mantenuti correttamente nel serbatoio di stoccaggio dell’azoto liquido a -396 gradi, riteniamo che possano essere buoni a tempo indefinito”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here