Covid e Natale: dopo gli assembramenti arriva la stretta, zona rossa in tutta Italia?

0
2106

Dopo gli assembramenti negli ultimi giorni in tutte le principali città del Paese, il governo valuta l’ipotesi di nuove strette. Deroghe di spostamenti per i piccoli comuni. La Merkel, nel frattempo, impone un lockdown generalizzato in Germania, stretta anche in Francia

E’ fissato per oggi l’incontro fra il Premier Conte, gli esperti del Cts e il ministro degli interni Lamorgese per valutare l’ipotesi di un inasprimento delle misure durante i giorni di Natale. Le notizie sono trapelate dopo gli assembramenti in tutte le principali città italiane per le vie dello shopping, che rischiano di far risalire nuovamente i contagi e di rendere gli sforzi fatti fino ad ora vani. Si ipotizza, dunque, un ‘modello merkel’: in Germania, infatti, è stato confermato un lockdown “duro”, senza deroghe di alcun tipo, dato che “le misure non hanno funzionato” e dunque “bisogna agire subito”, ha dichiarato la cancelliera. La stretta, dunque, a dispetto di quello che spesso si dice, non riguarderà solo l’Italia: altri Paesi europei come la Francia stanno optando per forti limitazioni negli spostamenti e all’anticipazione del coprifuoco dalle 21 alle ore 20, come ha riferito il primo ministro francese Jean Castex, che ribadisce l’obbligo di non far stare in casa più di 6 adulti.

Ipotesi zone rosse e deroghe per piccoli comuni

Si deciderà dunque oggi sulla possibilità di creare una zona rossa in tutta Italia per i giorni festivi e prefestivi o se le attuali regole siano sufficienti. Al vaglio, inoltre, alcune deroghe per i comuni sotto i 5 mila abitanti, dando ai cittadini la possibilità di spostarsi entro un raggio di 30 km. 

Leggi anche -> Coronavirus, natale blindato per i piccoli borghi: il caso Morterone, il più piccolo d’Italia 

La linea dura sembra essere condivisa pienamente dai Dem e dai pentastellati: “Alla luce di un sicuro aumento del rischio di assembramenti dovuto al periodo delle festività e alle raccomandazioni alla prudenza e responsabilità del comitato scientifico nazionale, occorre valutare l’adozione di nuove misure che garantiscano il contenimento dei contagi, chiariscono dal PD, che aggiunge la necessità di una chiusura dei ristoranti nel periodo delle feste.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here