Vola a Dubai: al rientro in Uk costretta a pagare 1750 sterline e passare il compleanno in un Covid hotel

0
357

Intrappolata da sola in un Covid hotel per il 69esimo compleanno: una donna rientrata da Dubai si è trovata costretta a chiudersi in un albergo in quarantena pagando un’ingente somma di denaro.

Zari Tadayon, che è volata in Gran Bretagna lunedì da Dubai, ha trascorso inaspettatamente il suo 69esimo compleanno da sola in una camera di un Covid hotel per la quarantena obbligatoria. Tadayon, che proviene dalla Grecia ma ha un pre-settled status (lo status di immigrazione concesso dall’EU Settlement Scheme (EUSS) ai cittadini europei e ai loro familiari non europei che non hanno ancora vissuto nel Regno Unito per un periodo continuativo di 5 anni in qualsiasi momento del passato) e la sua famiglia in Gran Bretagna, è volata a Dubai il 22 gennaio per occuparsi di alcune questioni legali prima che la Gran Bretagna introducesse la sua politica di quarantena alberghiera obbligatoria per alcuni paesi tra cui gli Emirati Arabi Uniti.

LEGGI ANCHE =>> Quanto è diminuita l’aspettativa di vita dopo il Covid? Italia e mondo a confronto

Coloro che desiderano tornare in Gran Bretagna da un elenco di paesi ad alto rischio devono pagare 1.750 sterline per una quarantena di 10 giorni in un hotel. “È deludente – è piuttosto deludente”, ha detto Tadayon a Reuters dal Radisson Blu di Heathrow. “Non sono sicura di essere autorizzata a uscire – nessuno mi ha spiegato niente.” Martedì ha così festeggiato il suo compleanno da sola nella sua stanza. “Non sono riuscita nemmeno a vedere i miei figli per il mio compleanno”, ha detto Tadayon. “Il costo è piuttosto alto, non ero preparata per questa spesa obbligatoria. Avrei potuto darlo ai miei figli o festeggiare il mio compleanno piacevolmente con la mia famiglia per la metà di quella cifra o anche un quarto di quella cifra “.

Era andata a Dubai per questioni legali

Tadayon ha detto di aver dovuto aspettare diverse ore all’ingresso nel paese a causa dei problemi iniziali con la nuova politica di quarantena. “Gli agenti dell’immigrazione non erano molto aggiornati su ciò che avrebbero dovuto fare, abbiamo solo aspettatoa lungo l’assegnazione di un hotel”, ha detto. “Sono stato a Dubai per tre settimane, avevo bisogno di occuparmi di alcune questioni legali che erano molto importanti. Non ero lì per una vacanza al mare. Avrei preferito poter trascorrere la quarantena a casa.” Alla domanda su cosa avrebbe fatto per 10 giorni, ha risposto: “Non lo so. Non ho libri con me perché non ero preparato. Forse guardare la TV e chattare con amici e familiari online. Cos’altro puoi fare?”

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here