Proteste ristoratori, il sostegno di Sandra Milo: “Non si può vivere così, come pagano i debiti?”

0
152
sandra milo proteste

Tra i personaggi dello spettacolo che si sono schierati apertamente al fianco dei ristoratori c’è anche Sandra Milo. 

La celebre attrice e conduttrice è stata presente in piazza a Roma per manifestare il suo sostegno nei confronti del popolo delle partite IVA che chiede di poter ricominciare a lavorare.

Persone che Sandra Milo dice di “portare nel cuore” per tutti i disagi che stanno vivendo. “Non riesco a dormire pensando a queste persone disperate, a famiglie che non hanno i soldi e non hanno da mangiare – ha detto la conduttrice – Come fanno queste persone a vivere, cosa dicono ai bambini? Bisogna mettersi una mano sul cuore e aiutare queste persone”.

LEGGI ANCHE => L’Italia protesta: scuola e rider alzano la voce, tra proteste nel rispetto delle norme anticovid e lo sciopero passivo

Una posizione che Sandra Milo, 88 anni compiuti lo scorso 11 marzo, ha confermato anche all’Adnkronos: “C’è il disastro economico ma c’è anche quello psicologico. Nessuno aiuta davvero – sottolinea il volto noto della TV – È un anno che parlano di ristori ma ci sono persone a cui non è arrivato proprio niente o pochissimo. Non si può andare avanti così, l’essere umano non può vivere così”.

“Come fanno a pagare i debiti?”, lo sfogo di Sandra Milo

Anche durante il programma Dritto e Rovescio, condotto da Paolo Del Debbio, Sandra Milo ha ribadito che è necessario tornare ad aprire per consentire a milioni di italiani di lavorare.

LEGGI ANCHE => “Non respiro”: Sandra Milo inscena malore in diretta dopo il vaccino, è polemica

“Si accumulano debiti così e questi debiti vanno anche pagati: quando? Come? Ci devono aiutare. Poi c’è chi parla di buon senso – lo sfogo della conduttrice nella puntata di giovedì 15 aprile – Non ho il buon senso di chi a fine mese si prende lo stipendio, perché lo stipendio non ce l’ho”.

“So che il Papa ha fatto dei tagli – aggiunge – Poteva fare qualcosa anche il governo, potevano farlo i grandi professionisti, aiutare i poveri disgraziati”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here