Funivia Stresa-Mottarone, Enrica Bonaccorti vede le foto delle vittime e non trattiene le lacrime

0
620
enrica bonaccorti funivia commozione tragedia daniele storie italiane

E’ molto pesante il bilancio della tragedia della funivia Stresa-Mottarone, con il crollo della cabina che ha provocato la morte di 14 passeggeri su 15 presenti. 

L’unico sopravvissuto è un bambino di 5 anni, che ha perso tutta la sua famiglia e che si trova ricoverato in ospedale in gravi condizioni. Una vicenda agghiacciante, che ha sconvolto l’Italia intera e che ha suscitato attimi di commozione anche negli studi televisivi.

Durante la puntata di Storie Italiane andata in onda questa mattina, la conduttrice Eleonora Daniele si è accorta del turbamento che stava vivendo una delle sue ospiti, Enrica Bonaccorti.

LEGGI ANCHE => Dramma del Mottarone, chi sono le quattordici vittime del drammatico incidente?

La Bonaccorti non ha retto all’emozione nel vedere le foto di tutti coloro che hanno perso la vita nel disastro di ieri. “Non avevo ancora mai visto le foto delle vittime – ha detto la famosa conduttrice – Già ieri appena ho saputo la notizia dell’incidente ho avuto una reazione molto forte”, ha aggiunto, visibilmente commossa.

Enrica Bonaccorti si sofferma anche sugli sviluppi del caso Denise Pipitone

L’argomento si è successivamente spostato su un’altra vicenda molto dolorosa, ovvero gli ultimi sviluppi sul caso riguardante la scomparsa di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo il 1 settembre 2004 e mai più ritrovata.

LEGGI ANCHE => Denise Pipitone, il colpo di scena: indagati Anna Corona e Giuseppe Della Chiave

Negli ultimi giorni è trapelata l’indiscrezione – fornita dal programma Quarto Grado – dell’iscrizione al registro degli indagati di Anna Corona e Giuseppe Dalla Chiave, anche se la Procura di Marsala non ha ancora confermato nulla.

“Ero convinta che questo caso servisse più alla televisione che alla famiglia di Denise – le parole della Bonaccorti riportate anche da Caffeina Magazine – Non mi aspettavo che tutto il clamore mediatico portasse a nuovi sviluppi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here