Potrebbe non essere il 2021: i calcoli errati sulla vita di Gesù

0
1270

Gesù Cristo per alcuni è il Salvatore, per altri no, ma quasi per tutto è la figura storica che scandisce, letteralmente, il nostro tempo.

Dall’anno 0, anno della sua nascita, si è incominciato a tener traccia del tempo, ma lo stesso Vaticano ha ammesso che ci sono stati errori di calcolo.

Gesù nato nel 3 A.C.?

C’è un A.C e un D.C ed è davvero paradossale che lo stesso Cristo possa essere nato nel 3 A.C.

Eppure per quanto possa sembrare ridicolo, è molto plausibile ci siano stati errori di calcolo per determinare le coordinate di vita di Gesù di Nazareth. I vangeli infatti non contengono indicazioni temporali precise e la ricostruzione della vita di Gesù è stato un lavoro filologico minuzioso.

LEGGI ANCHE => “Voi vi amate? Noi vi benediciamo”: i preti tedeschi sfidano il Vaticano e benedicono le coppie gay

L’errore, umano, avrebbe anche un colpevole accertato: sarebbe Dionigi il Piccolo, colui che decise di calcolare il tempo a partire dalla data di nascita del figlio di Dio e non da date certe, come la nascita di Roma.

A ‘condannarlo’ è stato lo stesso Vaticano, nella figura di Papa Giovanni Paolo II, che il 14 Gennaio 1987, ammise: “Per quanto riguarda la data precisa della nascita di Gesù, i pareri degli esperti non sono concordi. Si ammette comunemente che il monaco Dionigi il Piccolo sia caduto in errore”.

cronologia sbagliata
La fanpage di Radio Maria e la “carta d’identità” di Gesù

I nuovi calcoli

L’errore sarebbe nato da un traduzione impropria dal greco antico. Una delle poche indicazioni temporali infatti è contenuta nel Vangelo di Giovanni, che cita: “Nel quindicesimo anno di governo di Tiberio Cesare”. Il monaco avrebbe tradotto l’espressione ‘archómenos hosèi etôn triákonta’ con un’esattezza che invece era sbagliata.

Triákonta in greco vuol dire sulla trentina e non trent’anni. Da qui quella serie di calcoli errati che oggi rendono sbagliata addirittura le nostre date di nascita.

LEGGI ANCHE => Il Colorado potrebbe approvare presto il “compostaggio umano”. Ma la Chiesa è contraria

Secondo una ricostruzione certosina, che non potrà mai essere certa in assoluto, Gesù sarebbe nato nel 6 circa A.C, non essendo stato ucciso per mano del decreto di Erode emanato nel 4, e di conseguenza sarebbe morto intorno a 37 anni, nell’anno 30 D.C.

Per quanto riguarda la data di nascita, il 25 Dicembre, è risaputo che è stata assunta quella data per ‘coprire’ una vecchia festività pagana, il ‘sol invictus’, ovvero le celebrazioni per l’equinozio d’inverno.

Per il resto, circa la sua reale esistenza, ci affidiamo a Barbero

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here