Niente stranieri a corte: come Buckingham Palace elude le leggi sulla discriminazione

0
347
Buckingham Palace

Se non sono le frecciatine intenzionali del principe Harry, è comunque qualche rivelazione giornalistica ad agitare le acqua della monarchia inglese. Il ‘Guardian’ ha visionato dei documenti esclusivi e ha dato la notizia: negli anni ’70 un escamotage burocratica Buckingham Palace avrebbe permesso ai membri della royal family di eludere le leggi sulla discriminazione razziale e di genere.

LEGGI ANCHE => La Regina Elisabetta risponde alle accuse di razzismo di Harry e Meghan: “Le prenderemo sul serio

Ancora accuse di razzismo sulla Casa Reale britannica

Ai membri della Royal family sarebbe permesso escludere dalle assunzioni del personale stranieri e persone di colore.

Un’affermazione molto forte quella del ‘Guardian’, che rivela particolari risalenti agli anni ’70 e che permetterebbero legalmente a Buckingham Palace di  escludere stranieri e immigrati di colore dai ruoli d’ufficio e di responsabilità.

Precedente all’emanazione delle leggi contro la discriminazione basata sul sesso e su motivi di razza, para che il governo si sarebbe confrontato con i membri della Monarchia, e con la sovrana stessa, per formulare le leggi in maniera ‘opportuna’ per l’istituzione.

Non una rivelazione da poco. Non un’accusa leggere, specie dopo il polverone mediatico causato dalla confessione di Meghan Markle a Oprah Winfrey: il razzismo sarebbe un vizio di the Firm.

clausole per la discriminazione razziale

Il futuro che stenta ad affermarsi

Tra i documenti ‘incriminanti’, una lettera, datata 1968, firmata dallo chief financial di palazzo dell’epoca, tale Weiler, che in barba ai moti di rivendicazione di quegli anni, spiegava come non fosse “pratica (della casa reale) assegnare incarichi amministrativi (clerical roles) a immigrati di colore o stranieri”, che potevano e possono ambire solo a ruoli “servili”.

LEGGI ANCHE => Buckingham Palace, svelato il nome della reale razzista che insultò il piccolo Archie

Una procedura parlamentare abbastanza desueta, il Queen’s Consent, permise alla casata reale di smarcarsi dalle proposte innovative di Harold Wilson e di continuare nella propria politica di assunzioni, almeno fino agli anni ’90.

Buckingham Palace non si è nascosto e ha confermato le parole del ‘Guardian‘, seppur negando le accuse di razzismo: ha infatti precisato come, grazie a una “procedura speciale” la sovrana è adesso paladina di ogni forma di disparità.

Poche parole, che non serviranno a placare le polemiche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here