Il Messico terrorizzato dagli uomini di ‘El Chapo’: ecco cosa succede ai suoi nemici

0
617
Corpi appesi messico

Il Messico si conferma terra di violenza. Gli uomini di ‘El Chapo‘ in questi giorni sono tornati a intimorire i cittadini, nel tentativo d’ imporre la loro perversa autorità: dopo aver torturato e ucciso due esponenti del cartello avversario, hanno appeso i loro corpi giù per il ponte nella città di Fresnillo.

LEGGI ANCHE => L’incubo dei bambini nei centri detentivi: freddo, malattie e cibo rancido

Quei corpi caduti, e appesi, in nome della droga

Torturati, mutilati, uccisi, esposi con un sacchetto in testa: questa è la sorte che gli uomini di El Chapo Guzman riservano agli avversari, in quell’eterna faida sul controllo del territorio.

ATTENZIONE!! IMMAGINI CHE POTREBBERO URTARE LA VOSTRA SENSIBILITA’

scontro tra bande

Accade più nello specifico nella città Fresnillo, nello stato messicano centro-settentrionale di Zacatecas, il 19 giugno. Non è la prima dimostrazione di forza: i membri del cartello di Sinaloa e quelli del cartello di Jalisco New Generation sono da anni impegnati in una guerriglia senza esclusioni di colpi, condotta senza scrupoli e riserve, per ottenere il monopolio dello spaccio di droga negli USA.

LEGGI ANCHE => Crolla un ponte della metropolitana in Messico: si contano 20 morti e decine di feriti

Secondo l’esperto di cartelli, anche ex maresciallo federale degli Stati Uniti, Robert Almonte quest’azione è proprio una dichiarazione di guerra, che purtroppo non sarà un unicum: “Sì, credo che sia così, non solo in questo stato, ma in generale”.

Sarà una ‘guerra’ senza esclusioni di colpo e l’esperto prevede che saranno mobilitate centinaia e centinaia di ‘pedine’, il tutto a discapito della sicurezza dei messicani, che devono guardarsi anche da funzionari e militari corrotti.

Lo scontro tra i due cartelli si preannuncia sanguinolento, per la voglia di rivalsa del cartello di Sinaloa verso i nemici che stanno diventando la banda di riferimento in Messico.

Lo scorso dicembre, sette corpi sono stati trovati a Zacatecas dopo un altro massacro, accompagnato da un messaggio chiaro: “Questo accadrà a tutti coloro che rapiscono, estorcono e riscuotono tasse“.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here