“Lo dico con un groppo nel cuore”: a Quarto Grado la replica a Piera Maggio

0
7486
nuzzi piera maggio

Gianluigi Nuzzi ha scelto di replicare in diretta a Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone. 

La mamma della bambina scomparsa il 1 settembre 2004 da Mazara del Vallo e mai più ritrovata – anche se gli ultimi sviluppi delle indagini stanno facendo aumentare le speranze, ndr – aveva inviato un messaggio al conduttore della trasmissione “Quarto Grado”, diffidando il programma a trattare nuovamente il caso di Denise.

Nel messaggio, pubblicato anche come post sui social, Piera Maggio non usava giri di parole: “Signor Nuzzi, ma a lei pare onesto il comportamento schifoso usato nei miei confronti dal suo collega Abbate, nei miei confronti? E lei che lo fa parlare con tutta tranquillità – tuona la mamma di Denise – Ma come vi sentite a far denigrare una madre a cui le è stata rapita una bambina, cercando di giustificare la violenza”.

LEGGI ANCHE => Caso Denise Pipitone, l’attacco di Piera Maggio: “Comportamento schifoso”

“Ma cosa ne sapete di me, ma come vi permettete a giudicarmi e a farmi giudicare pubblicamente senza sapere – aveva poi aggiunto Piera Maggio – Tutto questo è di uno squallore vergognoso. Non sapete nulla realmente della mia vita e mi fate passare per una donna frivola leggera e senza sentimenti. Vergogna no? Cordiali saluti Piera Maggio”.

“Con Quarto Grado le cose sarebbero andate diversamente”

Un affondo a cui Gianluigi Nuzzi ha scelto di replicare nel corso dell’ultima puntata di “Quarto Grado”, come riporta anche Caffeina Magazine.

LEGGI ANCHE => Piera Maggio si commuove parlando di Denise: l’amaro sfogo a Mattino 5

“Noi non nascondiamo nulla, rispettiamo tutti e non abbiamo la presunzione di risolvere i casi – afferma il conduttore – Ho una parola in mente e che mi ripeto: rispetto. Rispetto delle vittime e dei parenti. Noi non inseguiamo i gossip e i ‘si dice’. Seguiamo i fatti, le testimonianze, le sentenze e le motivazioni”.

Nuzzi si è poi detto convinto che se Quarto Grado fosse esistita ai tempi della sparizione di Denise le cose sarebbero andate diversamente. “Dico questo con un groppo nel cuore – conclude – Se noi ci fossimo stati avremmo presidiato la giustizia e la verità. Qui le indagini sono state fatte malissimo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here