Belen blocca un ospedale: polemica dopo la nascita di Luna Marì

0
366

I responsabili della clinica di Padova in cui ha partorito Belen hanno deciso di bloccare l’intero reparto per l’occasione: è polemica.

Persino chi è allergico al gossip e non si è mai interessato alla vita delle celebrità è venuto a conoscenza del fatto che Belen Rodriguez è diventa mamma per la seconda volta. La soubrette argentina, da anni la donna più desiderata dagli italiani, ha partorito domenica notte, proprio mentre la Nazionale azzurra vinceva l’Europeo in casa dell’Inghilterra.

Una coincidenza che la stessa modella ha sottolineato il giorno successivo alla nascita della sua piccola, evidenziando come domenica sia stata una giornata da ricordare non solo per l’arrivo della figlia ma anche per le vittorie a poca ora di distanza dell’Argentina e dell’Italia, le nazionali dei due Paesi che ama.

Leggi anche ->Problemi economici per Harry e Meghan: le parole dell’esperta

Belen Rodriguez, la polemica dopo la nascita di Luna Marì

Per tre giorni i giornali di settore hanno parlato della felicità dei neo genitori, delle prime foto della bambina (prima solo una gambetta, poi gli scatti insieme alla mamma e quello nella culla), delle frasi d’amore di Antonino Spinalbese, da subito innamorato della sua prima figlia e pronto a dare tutto sé stesso affinché l’esistenza della piccola sia caratterizzata solo da gioia. Insomma un idillio raccontato minuto per minuto che, però, nelle scorse ore è stato spezzato dalla prima polemica post nascita.

Leggi anche ->“Mai più col reggiseno”: la rivelazione (più pratica che piccante) di un idolo dei ’90

Tutto è nato dall’avviso che la clinica ospedaliera di Padova ha affisso domenica all’ingresso della struttura. In questo si leggeva: “Causa Belén e fino a nuovo ordine […] i pulsanti in cabina relativi al terzo piano della divisione ostetrica sono disabilitati”. Insomma pare che per evitare l’arrivo di paparazzi nel reparto sia stata presa questa precauzione e che i parenti delle altre persone ricoverate nel reparto, per fare visita a chi si trovava in struttura, abbiano dovuto prendere le scale. L’avviso è stato mostrato dal settimanale ‘La Verità’ ma al momento né l’azienda né i diretti interessati hanno confermato l’accaduto, ciò nonostante sul web è già partita la polemica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here