Lite a Taranto durante serata universitaria finisce in sparatoria: paura e dieci ragazzi in Ospedale

0
195
yachting club taranto

A Taranto una lite tra ragazzi, tutti compresi tra i 18 e i 28 anni, è culminata in una sparatoria che ha portato al ferimento di un totale di quattro ragazze e sei ragazzi, tra cui uno ferito in maniera grave anche se comunque non si troverebbe in pericolo di vita.

La sparatoria è avvenuta verso l’una di notte allo Yachting club di San Vito, un locale, molto frequentato, che offre disco e bar.

Leggi anche -> Sparatoria Ardea, uomo con problemi psichici uccide due bimbi, un anziano e si suicida

Presso lo Yachting club era stato organizzato un evento per studenti universitari.

Durante la serata però due gruppi, uno composto da ragazzi di Grottaglie e uno composto da ragazzi del quartiere Tamburi, hanno cominciato a litigare tra loro. E’ stato a questo punto che un ragazzo tarantino ha estratto una pistola calibro 9 aprendo il fuoco nella zona della disco. In quel momento si trovavano nel locale circa 300 persone.

Fermato il responsabile della sparatoria, alcuni ragazzi portati in ospedale

La sparatoria ha portato al ferimento di un totale di 10 persone tra ragazzi e ragazze, alcuni di questi sono stati colpiti dai proiettili della pistola, mentre altri si sono feriti a causa della calca di persone che si è creata durante la sparatoria. Per alcuni ragazzi si è reso necessario l’intervento chirurgico in ospedale per estrarre i proiettili.

Le forze dell’ordine stanno indagando su quanto accaduto all’interno del locale e avrebbero già fermato il responsabile della sparatoria.

Nelle scorse settimane sempre a Taranto era avvenuta un’altra sparatoria che ha portato alla morte di un 21enne, il quale avrebbe tentato di difendere il fratellastro da un agguato. L’omicida si è giustificato dicendo che non aveva alcuna intenzione di aprire il fuoco, ma che aveva estratto la pistola solamente per difesa e con l’intento di spaventarli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here