“Non ti vaccini? Sei fuori dal gruppo”: batterista espulso dall’iconica band di fine anni ’90

0
371

Il batterista della band americana Offpring è stato espulso dal gruppo perché ha deciso di non volersi vaccinare contro il Covid-19.

Quest’estate gli Offpring, iconica rock band americana, partiranno per un tour in giro per gli Stati Uniti che tocchi le principali città del Paese e permetta alla maggior parte dei loro fan di ascoltarli dal vivo. Al tour non parteciperà lo storico batterista, Pete Parada, poiché la band ha deciso di tenerlo fuori. Il motivo di questa scelta è legato al Covid-19 e al fatto che Pete ha deciso di non sottoporsi al vaccino.

A dare l’annuncio della mancata partecipazione al tour è stato lo stesso musicista rispondendo alle domande dei fan. L’artista ha anche specificato che la sua decisione di non fare il vaccino è principalmente legata al fatto che il medico che lo ha in cura gli ha sconsigliato di farlo. Il motivo della controindicazione è una malattia autoimmune da cui è affetto: se facesse il vaccino potrebbe avere degli effetti collaterali piuttosto pericolosi.

Leggi anche- >“Non parlare di cosa non sai. Fatti i ca**i tuoi”: Arisa sbotta. Con chi ce l’ha?

Batterista degli Offpring escluso dal tour perché non si vaccina: “Nessun risentimento”

Dopo aver comunicato il motivo dell’assenza dal tour ed il motivo per cui non può fare il vaccino, Pete spiega ai fan di non nutrire alcun risentimento verso i colleghi di una vita, nonché suoi amici. D’altronde comprende benissimo che se fosse contagiato dal virus e risultasse positivo durante il tour, rovinerebbe tutto il lavoro estivo della band che torna ai concerti dopo una fase di blocco durata oltre un anno.

Leggi anche ->Morto Antonio Pennacchi, vinse il Premio Strega nel 2010 con ‘Canale Mussolini’

Ecco cosa ha detto sul vaccino Pete: “Ho contratto il virus oltre un anno fa, è stato lieve per me -quindi sono fiducioso di poterlo affrontare nuovamente. Non sono invece così certo di sopravvivere ad un altro periodo post vaccinazione a causa della sindrome di Guillain-Barré, che ho sin dall’infanzia e che mi ha accompagnato durante tutto l’arco della mia vita. Purtroppo, per me e la mia famiglia, i rischi superano di gran lunga i benefici”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here