Si riaccende l’incendio nella pineta dannunziana di Pescara (e non mancano i selfie…)

0
153
pineta dannunziana pescara

Nella giornata del 1 agosto un vasto incendio si era scatenato nella Riserva Pineta dannunziana di Pescara, le proporzioni dell’incendio sono state davvero spropositate e sul luogo sono accorsi decine e decine di uomini di tutte le forze dell’ordine. A causa dei lapilli e delle ceneri sono state evacuate diverse abitazioni e stabilimenti balneari. Nell’incendio erano rimaste ferite cinque persone, poi trasportate in ospedale.

Leggi anche -> Incendio in galleria sulla SS36: autista eroe salva 25 bambini dal bus in fiamme

Le operazioni di spegnimento sono andate avanti per ore e sembrava che gli incendi fossero stati domati, anche se una grande porzione della Pineta dannunziana è andata in fumo. Il sindaco Carlo Masci aveva dichiarato: “Viene da piangere a guardarla. I danni ambientali sono incalcolabili. Qui ci sono le radici di Pescara. Questo è il cuore della città, il suo polmone verde e oggi lo vediamo distrutto”.

Secondo il professor Fernando Tamarro ha affermato che “prima di poter tornare con una pineta consistente ci vorranno almeno 20-25 anni, occorre dare tempo alla natura di ripartire con il suolo“.

Tamarro ha anche spiegato come occorre procedere al fine di riprendere la costituzione della pineta.

Purtroppo in queste ultime ore l’incendio sembra essersi riacceso, complici anche le folate di vento che hanno permesso al fuoco di riattivarsi, questo nonostante il continuo monitoraggio h24 da parte dei Vigili del Fuoco. Fortunatamente i Vigili sono riusciti a intervenire prontamente e sembra che la situazione sia tornata sotto controllo.

Accendono un fuocherello per farsi un selfie: “E’ piccolo lo spegniamo appena finito”

Intanto nella giornata di martedì due ragazzi avevano accesso un piccolo fuocherello nella zona della Pineta dannunziana con lo scopo di scattarsi un selfie. La denuncia è avvenuto da parte del consigliere comunale Berardino Fiorilli. I due ragazzi sarebbe stati ripresi da un passante, ma loro hanno risposto che il focolaio era “piccolino” e che comunque lo avrebbero spento subito dopo aver fatto lo scatto migliore.

Ovviamente l’accaduto è stato fatto presente alle forze dell’ordine, mentre tutti sono rimasti sbalorditi dalla risposta ricevuta da parte dei due giovani. Assolutamente incredibile come per un selfie non ci si renda conto di quanto accada.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here