Arriva il “serpente pene”, preoccupazione negli States: di cosa si tratta?

0
425
serpente pene

Gli ittiofidi sono una specie spesso molto cliccata sul web a causa della loro forma che ricorda molto da vicino quella del pene. Ma ultimamente, questa specie anfibia, sta riscuotendo non pochi timori negli Stati Uniti, dove si è presentata in forma massiccia.

Ma di che cosa si tratta? Perché tanta paura per questa invasione?

Da dove arriva il “serpente pene”?

In latino si chiamano “caecilian” a causa della loro cecità. Per questo motivo, essi si sono adattati a una vita principalmente sotterranea, diventando degli abili scavatori.

La loro presenza è già nota in Venezuela e altri paesi dell’America Latina, ma secondo alcuni esperti potrebbero avere invaso anche gli Stati Uniti, specie nello stato del Florida.

LEGGI ANCHE => Pene dell’inferno: 81enne rischia la perdita dell’organo genitale per colpa di alcuni elastici

Conosciuti da molti come “serpenti pene”, questi animali senza arti e senza vista, quindi a primo acchito completamente innocui, risultano in realtà incredibilmente infestanti e invasivi. Sono stati pescati per la prima volta nel canale Tamiami a Miami nel 2019, destando più di qualche qualche preoccupazione tra gli abitanti della zona. 

LEGGI ANCHE => Uomo si frattura il pene: non è un unicum ma la dinamica è dolorosissima

L’ipotesi più probabile secondo gli esperti che si sono occupati del caso è che questi animali siano arrivati in Florida attraverso dei commerci (spesso illegali) per vie internazionali e che quindi provengano dall’America del Sud.

La parola degli esperti

Gli autori dello studio sugli ittiofidi hanno dichiarato: “Da quanto ne sappiamo oggi, questo rappresenta il primo ritrovamento di un ittiofide in Florida o da qualsiasi altra parte degli Stati Uniti”. Poi hanno aggiunto: “Come risultato di questa scoperta, tutti i tre ordini di anfibi conosciuti al momento si trovano in Florida. Tra questi abbiamo molte specie di rana (Anura) e salamandre (Caudata), insieme a molte altre specie di rane non autoctone della zona”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here