I talebani e la schiavitù sessuale: La Luce contro Open

0
321
talebani matrimoni forzati

La caduta di Kabul e il conseguente ritorno al potere dei talebani in Afghanistan ha sconvolto il mondo. 

La preoccupazione principale riguarda le donne, che hanno sempre ricevuto un trattamento a dir poco discriminatorio da parte dei talebani. Le “rassicurazioni” fornite in questo senso dagli stessi “Taliban” non convincono la stampa estera, compresa quella italiana.

LEGGI ANCHE => I talebani stuprano i cadaveri delle donne: il racconto terrificante di un’ex poliziotta

Tra le testate che battono maggiormente su questo punto c’è sicuramente Open, il quotidiano diretto da Enrico Mentana, che ha parlato di “rieducazione talebana delle donne”. Secondo Open, infatti, i “Taliban” avrebbero già imposto matrimoni forzati con le donne afghane.

Un resoconto che viene criticato da un’altra testata, La Luce, che invece sottolinea come i talebani avrebbero chiesto agli imam locali la lista di tutte le donne non sposate in un’età compresa tra i 15 e i 45 anni, in modo tale da poterle proporre ai combattenti.

Il portavoce Mujahid smentisce: “Nessun matrimonio forzato”

La Luce evidenzia come Open riprenda un articolo del quotidiano The Indipendent, che a sua volta utilizza come fonte The Hindustan Times che cita infine il Sun, noto tabloid britannico scandalistico, non sempre affidabile.

LEGGI ANCHE => Comico continua a burlarsi dei talebani mentre lo conducono al patibolo – VIDEO

La Luce tende a precisare che in nessun passaggio si parlerebbe di “schiavitù sessuale”, come invece evidenziato dal quotidiano diretto da Enrico Mentana.

La smentita dei Talebani non è tardata ad arrivare. L’attuale portavoce dei “Taliban”, Zabiullah Mujahid, ha voluto ribadire che le accuse di matrimoni forzati “sono false ed infondate”. Inoltre, sempre secondo Mujahid, sia i matrimoni forzati che le uccisioni di militari afgani di cui si parla in queste ore “violerebbero la tradizione culturale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here