Carlo Ancelotti nei guai: l’allenatore insieme all’ex terrorista e al boss

0
106

Carlo Ancelotti è risultato uno dei tre italiani coinvolti nell’inchiesta “Pandora Papers”, insieme ad un boss e un ex terrorista.

L’inchiesta ‘Pandora Paper”, riguardante paradisi fiscali utilizzati tramite strutture “offshore” per occultare parte dei guadagni di persone facoltose e sfuggire al fisco, ha coinvolto anche alcuni italiani, tra i quali a sorpresa è presente Carlo Ancelotti. Ad esaminare 12 milioni di documenti, riguardanti oltre 25 anni di attività finanziarie, è stato l’International Consortium of Investigative Journalists, di cui in Italia fa parte anche il quotidiano l’Espresso (unica testata italiana a collaborare all’inchiesta).

A favorire l’attività investigativa dei giornalisti è stata la collaborazione dello studio legale Alemán, Cordero, Galindo & Lee. Dai documenti sono state scoperte 29 mila persone che hanno sfruttato, grazia a volte a operazioni al limite della legalità, conti offshore e trust per nascondere parte dei loro patrimoni in paradisi fiscali come Dubai, le Isole Cayman, Monaco e Svizzera, tutti Paesi in cui la riservatezza delle informazioni sui correntisti permette di evitare di pagare tasse sugli ingenti patrimoni depositati nelle banche.

Leggi anche ->Pandora Papers, di cosa si tratta e chi sono le persone coinvolte?

Carlo Ancelotti tra i tre italiani coinvolti nei ‘Pandora Papers’

Secondo quanto emerso sulle pagine de ‘L’Espresso‘, sono solamente tre gli italiani coinvolti nelle indagini sui paradisi fiscali. Uno è il boss della Camorra Raffaele Amato, al momento in carcere dove sta scontando una pena di 20 anni. A quanto pare questo avrebbe utilizzato una società fiduciaria di Montecarlo per schermare la proprietà di una società-cassaforte utilizzata per l’acquisto di beni immobili e terreni in Spagna.

Leggi anche ->Calcio in lutto, Daniel Leone sconfitto dal cancro: l’ex portiere aveva solo 28 anni

Il secondo italiano coinvolto è l’ex terrorista Delfo Zorzi. L’ex nazi-fascista, da 40 anni in Giappone, avrebbe utilizzato il nome nipponico Hagen Roi per incaricare la fiduciaria svizzera Fidinam per nascondere parte del suo patrimonio. Quindi ci sarebbe anche Carlo Ancelotti, attuale allenatore del Real Madrid. Il tecnico emerge nei documenti attraverso il nome delle sue società all’estero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here