Barnaba Barcellona, il gesto in gara vale più di un trionfo: le immagini

0
112

Il corridore Barnaba Barcellona si è segnalato per un bellissimo gesto nei confronti di un avversario che è diventato virale.

Come ogni anno la Maratona di Berlino ha accolto atleti di tutte le età e di tutte le parti del mondo. Tra i corridori c’era anche un nostro conterraneo che è passato alla storia della competizione senza vincere alcuna medaglia. Il nome del ragazzo che si è distinto tra le strade della capitale tedesca è Barnaba Barcellona, ragazzo vicentino che ormai da anni si è trasferito a Copenaghen per ragioni di studio.

Il corridore, come detto, è stato immortalato al traguardo e la sua partecipazione è diventata di dominio internazionale per un gesto di altruismo che rappresenta l’essenza stessa dello sport. A 30 metri dalla fine ha visto un corridore stremato, incapace di raggiungere il traguardo nonostante fosse ad un passo, così, aiutato anche da un corridore inglese, lo ha trasportato a braccio fino alla fine del tragitto.

Leggi anche ->Sexy influencer 50enne rivela: “Un calciatore mi ha offerto 50mila euro”. Di chi si tratta?

Barnaba Barcellona: “Gli altri correvano indifferenti”

La bella azione compiuta nei confronti del corridore stremato ha ovviamente attirato l’attenzione dei media di tutti il mondo ed anche di quelli della sua città natale. Proprio al Giornale di Vicenza il ragazzo ha raccontato ciò che è successo partendo da ciò che ha provato nella parte finale della gara: “Nell’ultimo chilometro e mezzo, quando ho iniziato a raccogliere tutte le mie energie per l’ultimo sprint prima di intravedere la porta di Brandeburgo”.

Leggi anche ->Doppietta di Torres… quello sbagliato: la gaffe della Ferrari scatena il web

Nonostante la fatica, Barnaba Barcellona ha visto l’atleta in difficoltà: “Ho notato a circa 30 metri dal traguardo, un atleta completamente stremato dalla fatica e privo di forze, che gattonava sull’asfalto per cercare di rialzarsi”. A quel punto ha capito cosa doveva fare: “Mentre gli altri maratoneti correvano con indifferenza, mi sono fatto coraggio prendendo per il braccio il malcapitato e, assieme a un altro maratoneta inglese, lo abbiamo sollevato in piedi portandolo fino al traguardo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here