“Tua mamma fa la…”: l’intervento shock in diretta tv ai margini del rave di Torino – VIDEO

0
229
rave torino giornalista storie italiane

Ha suscitato molta indignazione quanto accaduto alla giornalista Laura Tangherlini, inviata di Storie Italiane, il programma in onda su Rai Due e condotto da Eleonora Daniele. 

La giornalista si era recata sul luogo in cui andava completandosi lo sgombero del maxi rave illegale organizzato nell’area industriale abbandonata tra Nichelino e Beinasco, alle porte del torinese.

Laura Tangherlini, nel servizio, stava appunto mostrando gli ultimi partecipanti intenti ad abbandonare il maxi rave illegale, quando uno di loro, evidentemente contrariato, ha deciso di esprimere il suo pensiero al microfono della giornalista.

LEGGI ANCHE => Paese che vai, rave che trovi: a pochi km da importanti focolai, le feste illegali

“Tua madre fa la pu**ana”, ha detto il partecipante al rave, nel tentativo di sfilare il microfono dalla presa dell’inviata di Storie Italiane. Ma l’individuo non si è accontentato di questo gesto, prendendo nuovamente di mira la giornalista.

Una situazione che ha richiesto l’intervento dei carabinieri che si trovavano nei pressi, ma anche dopo l’arrivo dei militari l’uomo non si è calmato e ha rivolto sputi al cameraman del programma Rai.

2.000 persone denunciate: critiche per Lamorgese 

Fortunatamente il tutto si è concluso senza ulteriori problemi, come invece accaduto nei giorni precedenti con gli scontri tra poliziotti e partecipanti. Come riporta anche “Il Giornale”, sono oltre 2.000 le persone denunciate per violazione di suolo pubblico, con tanto di sequestro di circa 1.300 veicoli. Il tutto senza dimenticare l’enorme quantità di rifiuti lasciata dai partecipanti.

LEGGI ANCHE => Party illegale con centinaia di giovani va avanti da due giorni: la polizia ha circondato l’area

Uno scenario che ha scatenato inevitabilmente nuove critiche per il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Anche l’ex prefetto Achille Serra si interroga sull’accaduto: “Bisogna decidere se in Italia questi raduni sono ammessi o non lo sono – dice Serra al Giornale – stabilire qual è il messaggio che vogliamo mandare all’esterno, e deve essere un messaggio chiaro”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here