Terrore durante un safari: tutta colpa di un elefante particolarmente eccitato – VIDEO

0
158

Un gigantesco elefante ha attaccato un mezzo da safari, speronandolo.

L’elefante, alto circa 4 metri, si è infuriato non appena i veicoli, con alcuni studenti a bordo, si sono avvicinati al suo branco.

I mezzi si erano fermati uno dietro l’altro su una strada sterrata nella Selati Game Reserve, ai margini del Kruger Great Park, in Sud Africa.

LEGGI ANCHE => Giraffa infuriata rincorre i visitatori della riserva di Masai Mara durante un safari – VIDEO

Come si vede nei filmati, un elefante non ha affatto gradito la loro presenza ed è uscito con l’obiettivo di attaccare i malcapitati. Sfruttando le sue enormi zanne, l’elefante aggredisce la carrozzeria del camion safari e solleva il veicolo da terra, mandandolo fuori strada.

Nel video si sentono gli studenti a bordo che urlano terrorizzati. Fortunatamente, dopo una trentina di secondi, l’elefante sembra calmarsi.

Una guida del secondo camion safari, armata di grande coraggio, corre in aiuto delle tre ragazze e grida loro di fuggire. Le tre giovani studentesse sono rimaste illese, ma sono ovviamente atterrite dalla paura: per questo hanno già ricevuto assistenza psicologica.

L’attacco scatenato da un altissimo livello di testosterone

Come spiega anche il Daily Star, quando gli elefanti maschi sono pronti per riprodursi i loro livelli di testosterone possono moltiplicarsi fino a 60 volte: un aumento elevatissimo che può scatenare in loro una forte violenza nei confronti degli umani.

LEGGI ANCHE => Pescatori trovano uno squalo grande quanto un camion su una spiaggia: è lungo 8 metri

In passato gli elefanti maschi hanno già attaccato villaggi africani per lo stesso motivo: in media, vengono travolte e uccise dalla furia degli elefanti circa 500 persone all’anno.

Il direttore generale della Selati Game Reserve, Bryan Havemann, ha detto che il veicolo è stato “gravemente danneggiato”, ma ha aggiunto che la cosa più importante è che nessuno sia rimasto ferito.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here