“Ora sono una principessa”: l’incredibile storia della bimba nata con una “maschera di Batman” sul volto

0
1029

Ha dell’incredibile la storia della bimba di 2 anni, Luna Tavares-Fenner, nata con un enorme neo che le copriva gran parte del viso, tanto da far sembrare che stesse indossando una maschera stile Batman.

Leggi anche -> Enorme escrescenza sul naso di un uomo: anche la dottoressa Pimple Popper sotto shock

Le immagini della bambina mostrano la bimba con questa voglia nevo enorme a coprirle il naso, le palpebre e le guance. Assieme alla madre aveva fatto numerose visite in Florida e in Russia per farsi curare.

La bimba ha trovato una clinica a Krasnodar dove si sta sottoponendo a una terapia fotodinamica, un trattamento che negli Stati Uniti non è ancora disponibile.

Il dottor Popov, che ha seguito tutto l’iter del trattamento sulla bimba, ha affermato: “Luna ha già cominciato a parlare e ha detto ‘il mio punto nero è sparito, sono una principessa’“.

Il risultato è stato davvero commovente per l’intera equipe, che ha affermato di essere riuscito a bloccare lo sviluppo di un possibile cancro alla pelle nella bimba.

Abbiamo fatto solo sei operazioni per rimuovere il nevo e siamo riusciti a farlo scomparire” ha detto orgoglioso il dottor Popov, anche se questo non significa che il trattamento è finito. Infatti questa è stata solo la parte principale del trattamento.

La madre è fiduciosa e grata del trattamento ricevuto nella clinica di Krasnodar

Per il momento Luna è sottoposta a un periodo di riposo prima di essere sottoposta anche agli interventi di carattere prettamente estetico.

La cosa più interessante però è il fatto che l’equipe medica si occuperà anche del lato psicologico della bimba: “Vogliamo mirare a che Luna non abbia complessi quando raggiunge l’età in cui si è preoccupati per il proprio aspetto“.

La madre di Luna ha detto di essere fiduciosa e grata per il trattamento che non hanno previsto un intervento invasivo, come invece sarebbe avvenuto in altre cliniche.

Ora le bende di Luna sono state tolte e mamma e figlia torneranno a casa per Natale prima di tornare nella clinica di Krasnodar per gli ultimi interventi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here