Il Covid uccide un’icona del punk dei ’70: di chi si tratta?

0
634

Il Covid-19 ha ucciso un altro personaggio noto, stavolta nel mondo della musica.

Thomas ‘Mensi’ Mensforth, noto per aver fatto parte della band punk rock Angelic Upstarts, è deceduto a causa di complicazioni insorte con il contagio.

Mensi, come lo ricordano tutti, aveva 65 anni ed era ricoverato da qualche giorno in terapia intensiva. La morte è sopraggiunta venerdì 10 dicembre, lasciando sgomenti i fan dell’artista e del gruppo, con cui si era unito nel 1977.

Mensi, infatti, viene ricordato nei tantissimi tributi comparsi sui social come “la leggenda del punk rock”. Sulla pagina Instagram, dove è stato confermato il suo decesso, è comparsa una foto in bianco e nero dell’icona del punk, con tanto di didascalia struggente.

LEGGI ANCHE => Il Covid uccide un altro grandissimo della musica: se ne va a 83 anni Raoul Casadei, icona del liscio in Italia

“Oggi abbiamo perso una leggenda del punk rock. I nostri pensieri sono con la sua famiglia, i suoi amici e tutti coloro che ha ispirato”, si legge nel post, che è stato commentato da moltissimi fan di Mensi.

mensi angelic upstarts covid

“Riposa in pace Mensi, grazie per i grandi testi e la musica”, scrive un follower. “Un angelo ottiene sempre le sue ali… anche se troppo presto”, si legge in un altro commento. “Assolutamente scioccato. RIP”, scrive poi un altro fan.

Al momento del suo ricovero in terapia intensiva, la sua famiglia ha precisato che il frontman degli Angelic Upstarts versava in condizioni “molto critiche”. Nel post, i familiari hanno detto di essere impegnati nella preghiera e di sperare in un futuro aggiornamento positivo sulle sue condizioni di salute. Purtroppo le cose sono andate diversamente.

Classe operaia e antifascismo: ecco gli Angelic Upstarts di Mensi

Gli Angelic Upstarts sono un gruppo punk rock di South Shields formatosi nel 1977. La prima formazione, dove compariva già Mensi assieme al chitarrista Mond, al bassista Steve Forsten e al batterista Sticks, fece il suo debutto nel 1978 con il singolo The Murder of Liddle Towers, un brano in cui veniva pesantemente attaccata la brutalità delle forze di polizia. 

Fin dal primo momento la band punk-rock si è caratterizzata per posizioni marcatamente antifasciste, schierandosi completamente dalla parte della classe operaia.

LEGGI ANCHE => Grande lutto nel mondo della musica, il Covid uccide storico componente dei Dik Dik

Durante i loro primi dieci anni di attività, gli Angelic Upstarts hanno pubblicato otto album in studio. Nel 1986, dopo lo scarso successo di un loro disco, il gruppo si è separato, pur decidendo di riformarsi nel 1988.

Tuttavia, da quel momento in poi molti membri della band non hanno più fatto parte degli Angelic Upstarts: proprio Mensi rimase come unico componente originale. Nell’agosto 2006 decise anche lui di lasciare il gruppo, rientrando poi l’anno successivo con Dickie Hammond alla chitarra, Neil Newton alla seconda chitarra, Gaz Stoker al basso e Brett Mulvaney alla batteria.

Per gli Angelic Upstarts è stato un anno terribile. Lo scorso 22 febbraio, infatti, anche l’ex membro Tony Morrison – noto come Tony Feedback – è morto a causa di complicazioni dovute al Covid-19.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here