Travolta dal bullismo online dopo la separazione dall’ex: suicida famosa mamma youtuber

0
211

Molti utenti la ricordano come MavaChou, YouTuber e influencer che gestiva un canale sulla piattaforma con suo marito. 

Maeva Frossard, questo il suo vero nome, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. Il suo cadavere è stato rinvenuto all’interno della sua abitazione, in Francia. Sulla sua morte, come riporta anche la testata Fanpage, la polizia del comune francese di Epinal ha aperto un’inchiesta.

MavaChou, infatti, era tormentata da mesi da messaggi d’odio online, successivi alla separazione con suo marito. Come ha raccontato la stessa 32enne in un’intervista che risale a pochi giorni prima della sua morte, la donna ha rotto con il suo ex marito e padre dei suoi 4 figli, con cui aveva aperto il canale YouTube molto seguito.

mavachou maeva frossard youtuber suicidio

LEGGI ANCHE => Muore a 21 anni famosa streamer: si è uccisa per colpa del bullismo?

Proprio dopo la separazione sono cominciate ad arrivare le minacce e gli insulti, specialmente su Twitter. I commenti carichi d’odio arrivavano tutti dagli ex fan della coppia che si erano schierati dalla parte del suo ex marito.

La situazione per Maeva Frossard era ormai diventata insostenibile, con oltre mille messaggi di insulti al giorno che le rendevano la vita impossibile. Addirittura alcuni avevano anche cominciato a spiarla.

“Anch’io insultato e minacciato”: la difesa dell’ex marito

MavaChou ha confessato di essere ricorsa agli antidepressivi dopo aver già tentato di togliersi la vita. La 32enne ha poi aggiunto di aver presentato una serie di denunce ma tutte senza alcun esito.

LEGGI ANCHE => Dramma 13enne, si impicca intorno ai suoi disegni nella sua cameretta: “L’abbiamo sentita urlare”

“Sui social media è stato detto che Maëva era una madre violenta, che i bambini avevano avuto accesso a film porno sul mio computer. Siamo stati paragonati ai pedofili e l’ex marito non hai mai smentito queste voci – ha detto il suo compagno – Ho iniziato ad avere paura quando il nome della nostra città è trapelato su internet, le foto della nostra strada sono state nuovamente pubblicate. Qualsiasi persona instabile poteva venire e farci del male”.

L’ex marito si è difeso affermando di aver ricevuto anche lui insulti e minacce: “Siamo stati entrambi travolti dal ciclone dei social media”, le sue recenti parole, prima della tragedia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here