C’è vita su Marte? L’interessante studio sul meteorite ‘Black Beauty’

0
198

Nel 2011 nel deserto del Sahara venne rinvenuto un meteorite nero, molto raro, proveniente da Marte, che venne ribattezzato ‘Black Beauty’ ovvero ‘Bellezza nera’.

A parte la bellezza di questo raro e prezioso meteorite, gli esperti ritengono possa rivelare alcuni importanti indizi sul pianeta rosso.

black beauty meteorite
Il meteorite black beauty

Leggi anche -> Il rover Perseverance trova tracce di origine organica su Marte: vita sul Paneta Rosso?

Lo studio su questo meteorite è cominciato in modo ufficiale due anni dopo il suo ritrovamento, ovvero nel 2013, quando lo studioso Boffins lo ha esaminato per vedere se poteva indicare qualcosa di particolare.

La prima cosa che è stata rilevata è che la ‘Bellezza nera’ potrebbe risalire a circa 2,1 miliardi di anni fa. E ora questo potrebbe essere anche determinante per capire se ci possano essere state le condizioni su Marte per il proliferare della vita.

Infatti gli studiosi credono che su Marte la vita abbia potuto proliferare ben 4,2 miliardi di anni fa, quando c’erano le condizioni adatte affinché la vita cominciasse.

Lo studio di Morgan Cox, dello Space Science and Tecnology, si è concentrato su un minerale particolare, ovvero lo zircone, dal quale si potrebbe rivelare che il proliferare della vita su Marte sarebbe da datare attorno ai 3,7 o 3,9 miliardi di anni fa.

Cox ha affermato: “Questo minerale è davvero un regalo unico dal Pianeta Rosso. Inoltre la deformazione ad alta pressione non è stata precedentemente trovata in nessun minerale di Black Beauty”.

Nuove prove indicano la proliferazione della vita sul Pianeta Rosso

Lo studioso ha inoltre spiegato che questo particolare danno da shock va a fornire delle nuove prove “dei processi dinamici che hanno influenzato la superficie del primo Marte”.

Quindi da un certo punto di vista non sappiamo di preciso se ci fosse stata vita su Marte, ma possiamo sapere quanto tempo fa avrebbe potuto prendere il via la proliferazione della vita.

L’interessante studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata ‘Science Advances’.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here