Viktor Orban stravince, Salvini e Meloni si complimentano mentre lui attacca tutti (anche Zelensky)

0
519

Viktor Orban resta a capo dell’Ungheria per la quarta volta di fila.

Il leader magiaro si conferma Presidente grazie al travolgente successo ottenuto alle elezioni politiche, che si sono tenute ieri e che hanno visto la netta affermazione della coalizione composta dal partito di governo Fidesz e dal Kdnp, forza politica di estrazione cristiano-democratica.

orban

La vittoria di Orban nei confronti dello sfidante, Peter Marki-Zay, è stata netta: il 53% degli ungheresi ha votato per la coalizione del Presidente uscente, mentre il 35% ha sostenuto Marki-Zay.

Tuttavia, fin dai primi momenti successivi al voto, lo sfidante di Orban – pur riconoscendo la sconfitta – ha parlato di “sistema disonesto e ingiusto”, che non avrebbe permesso di ottenere un risultato più consistente.

“Abbiamo provato con tutte le nostre forze, ma non siamo riusciti a raggiungere il nostro obiettivo”, ha detto Marki-Zay, che ha denunciato anche brogli elettorali oltre alla forza della propaganda governativa. Anche l’ong Hungarian Civil Liberties Union ha segnalato diverse irregolarità.

Orban esulta e attacca tutti: da Bruxelles a Zelensky

Dal canto suo, Viktor Orban non può che essere raggiante per questa sua nuova e roboante affermazione, anche tenendo conto che in moltissimi in Europa si auguravano una sua disfatta (anche in funzione anti-Russia e pro-Ucraina).

58 anni, premier dal 29 maggio 2010 (ininterrottamente), Orban potrà contare su un consenso parlamentare che andrà dai 122 ai 134 seggi sui 199 totali. Il tutto tenendo conto anche del buon risultato dell’estrema destra, che ha ottenuto il 6,7% delle preferenze e potrà pertanto avere 7 seggi in parlamento.

Non stupisce che nel suo discorso, pronunciato subito dopo l’ufficialità del successo, Viktor Orban abbia preso di mira Bruxelles e l’Unione Europea, per poi rivolgere duri attacchi anche a Volodymyr Zelensky, premier ucraino.

“Questa nostra quarta vittoria consecutiva è la più importante, perché abbiamo conquistato il potere contro un’opposizione che si era alleata. Si sono alleati tutti e noi abbiamo vinto lo stesso – le parole di Orban – Abbiamo vinto anche a livello internazionale contro il globalismo. Contro Soros. Contro i media main-stream europei. E anche contro il presidente ucraino”.

Salvini e Meloni si congratulano con Orban: “Bravo Viktor”

Il successo di Viktor Orban non è stato accolto con favore dalle democrazie occidentali, anche se non mancano esponenti politici che invece vedono positivamente il successo del premier ungherese.

orban salvini meloni

Tra questi ci sono anche Matteo Salvini e Giorgia Meloni, numeri uno di Lega e Fratelli d’Italia, che hanno voluto congratularsi pubblicamente con Orban per la quarta affermazione consecutiva.

“Bravo Viktor! – ha twittato il leader del Carroccio – Da solo contro tutti, attaccato dai sinistri fanatici del pensiero unico, minacciato da chi vorrebbe cancellare le radici giudaico-cristiane dell’Europa, denigrato da chi vorrebbe sradicare i valori legati a famiglia, sicurezza, merito, sviluppo, solidarietà”.

Non è da meno Giorgia Meloni, che ha rivolto a Viktor Orban le sue più vive congratulazioni per la “straordinaria vittoria”.

“Per batterlo – scrive la leader di FdI – non è bastata nemmeno un’accozzaglia elettorale che ha tenuto insieme tutta la sinistra e l’estrema destra (per l’occasione stranamente considerata presentabile). Per anni lo hanno attaccato per le sue politiche a difesa dei confini e della famiglia, ma nessuno lo ha ringraziato nelle ultime settimane per aver accolto centinaia di migliaia di profughi ucraini”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here