“Il test anti droga me lo sarei evitato”: la Parietti muove un appunto ai Maneskin

0
672

Alba Parietti commenta quanto accaduto ai Maneskin e gli muove un appunto, spiegando che non si sarebbe sottoposta al test antidroga.

Il 2021 eccellente dei Maneskin è stato parzialmente rovinato da una calunnia. Il gruppo vincitore di Sanremo, infatti, ha trionfato anche all’Eurovision Contest, dimostrando come la loro canzone piaccia anche oltre i confini nazionale e come potenzialmente possano avere una carriera di successo anche nel resto d’Europa. Un successo che ha del clamoroso per un gruppo formato da ragazzi di appena 20 anni che hanno ancora una lunga carriera davanti.

I motivi per festeggiare, insomma, c’erano tutti, non fosse stato che qualche rivista ha insinuato che il cantante Damiano ed il resto della band facessero uso di cocaina. La notizia ha fatto presto il giro d’Europa e per smentirla il giovane cantante ha deciso di sottoporsi al test anti droga. Test che ha dato esito negativo e chiuso una volta per tutte le discussioni sul caso. Un ultimo commento a riguardo, però, lo ha voluto condividere Alba Parietti.

Leggi anche ->Francesi “Zitti e buoni”: Maneskin negativi al test antidroga

Alba Parietti muove un appunto ai Maneskin: “Il test anti droga me lo sarei evitato”

La showgirl, come tutti gli italiani, hanno trovato le accuse dei giornali francesi scandalose e proprio per questo lei si sarebbe comportata in modo diverso lasciandoli “rosicare” per la vittoria italiana. In un post pubblicato proprio in merito al test fatto dal gruppo, la Parietti scrive: “Ecco l’unico Appunto che devo fare ai @maneskinofficial , Non è certo ‘l’apologia’ della droga , che va sicuramente condannata, ma un Vero signore, non deve né convincere del piacere. Tantomeno dare giustificazione alla stampa becera. Quindi sinceramente il test altri droga me lo sarei tranquillamente evitato”.

Leggi anche ->“Disumano pensare che non si possa denunciare dopo 8 giorni”: Damiano dei Maneskin contro Girllo

Alba poi ci tiene a precisare che non è una critica ai ragazzi, i quali hanno voluto fare stare “zitti e buoni” anche in francesi, ma un’opinione, un comportamento che avrebbe tenuto per non dare sazio a chi aveva diffuso la falsa notizia: “Ma ripeto semplicemente per non dare soddisfazione agli stronzi ne risposte Che nessuno è obbligato ad andare sulla base di calunnie. Ma in certi casi i giovani sono più fragili e insicuri dei grandi vecchi, che certo non si sarebbero sottoposti a nessun test”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here