Partita truccata al Roland Garros, arrestata la tennista russa: scommessi “centinaia di migliaia di euro”

0
465
tennis

La tennista russa Yana Sizikova è stata arrestata con l’accusa di aver truccato delle partite. 

Come ricorda il Mirror, già lo scorso anno la testata tedesca Die Welt aveva rivelato che la polizia francese aveva avviato un’indagine su una partita di doppio agli Open di Francia – torneo noto anche come Roland Garros – del 2020, che aveva visto Yana Sizikova e la sua compagna americana Madison Brengle perdere contro Andreea Mitu e Patricia Maria Tig.

Mitu e Tig hanno vinto la partita in due set, ma le autorità vennero informate dalle società di scommesse di “giocate sospette”.

LEGGI ANCHE => Unbelievable Sinner: il tennista azzurro conquista pubblico e avversari e approda alle semifinali a Miami

Al centro dell’indagine, sempre stando a quanto riportato da Die Welt, finì in particolare il quinto game del secondo set, dove Yana Sizikova commise due doppi falli.

Sul match sarebbero stati scommessi addirittura “centinaia di migliaia di euro”, ed è proprio questa enorme cifra che ha spinto ad aprire un’indagine su “frodi di bande organizzate” e “corruzione sportiva attiva e passiva”.

yana sizikova tennis truffa

La notizia dell’arresto di Yana Sizikova è stata data da Le Parisien, ed è stata successivamente confermata dalla Federazione francese di tennis. Shamil Tarpischev, il presidente della Federazione russa di tennis, ha detto all’agenzia di stampa RIA di essere a conoscenza della detenzione della tennista.

“Nel tennis basta corrompere un solo giocatore”

Le Parisien afferma che la 26enne è stata arrestata dopo la sua partita di doppio al primo turno degli Open di Francia di quest’anno.

Sizikova e la sua compagna, Ekaterina Alexandrova, hanno perso la gara contro la coppia australiana Ajla Tomljanović e Storm Sanders.

LEGGI ANCHE => Chi è l’ex tennista Adriano Panatta: carriera e vita privata con l’amata nuova moglie

Europol ha fatto presente nei mesi scorsi come l’aumento delle scommesse online aveva portato la criminalità organizzata a utilizzare le partite truccate per riciclare denaro.

Jonny Gray, CEO dell’International Tennis Integrity Agency (ITIA), ha fatto presente che l’aumento delle scommesse in-play ha reso il tennis un “obiettivo sensibile” per i truffatori.

“A differenza degli sport di squadra – spiega Gray – basta un solo giocatore da corrompere per influenzare l’esito della partita”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here