In vendita dati sensibili rubati agli italiani. Gli informatici: “Purtroppo è tutto vero”

0
728
hackerati dati di 7 milioni di italiani

Hackerati i dati circa 7,4 milioni di italiani vaccinati a scopo di lucro. L’archivio, contenente dati sensibili, quelle richieste per la prenotazione del vaccino anti-covid, è stato messo in vendita sul Deep Web da un cybercriminale che afferma la sua volontà di vendere l’archivio solo a due persone interessate.

LEGGI ANCHE => Chi è Angie Varona, la influencer latino-americana divenuta nota tramite catfishing?

Dati sensibili in vendita?

I dati di 7.395.688 italiani, dati tra cui nome, cognome, indirizzo email e codice fiscale, sono stati raccolti in un archivio e poi messi in vendita. I dati in questione sono stati hackerati dalle ASL del centro-sud Italia e apparterrebbero per lo più a soggetti iscritti all’Ordine degli Psicologi.

Furto dati sensibili

L’hacker ha messo, su siti specializzati, un saggio del pacchetto per spingere gli utenti ad acquistarlo nella sua interezza, sebbene giuri di volerlo vendere solo a due ‘fortunati’.

Secondo l’intelligence informatica che ha divulgato la notizia, benché i contorni siano dubbi, quale hacker anonimo si espone in maniera così vistosa e talvolta anche in siti rintracciabili facilmente?, l’archivio dati non sarebbe però una bufala.

Stando alla confessione dell’hacker venditore: “Ho esfiltrato questi dati durante l’ultimo mese. Alcune delle vulnerabilità sono ancora aperte e non divulgate, ma non sono in vendita”. I dati comprendono 6.5 milioni di indirizzi email univoci e 5.3 milioni di password, per lo più protette da cifratura.

LEGGI ANCHE => Brevetti vaccini, è scontro. I dubbi di Librandi e la replica di Fratoianni: “Siamo in emergenza”.

Un indizio che fa una prova

Solitamente si dice che sono tre gli indizi a comporre una prova, ma stavolta l’entità dell’indizio in questione potrebbe essere sufficiente per dimostrare qualcosa.

Un utente, che ha subito condiviso la sua esperienza su Reddit, ha detto di aver ricevuto un email truffaldina, esattamente dopo la prenotazione del vaccino covid.

Sicuramente la tempistica e il fatto fanno propendere per l’individuazione di un nesso di correlazione. Se così fosse, sarebbe davvero un grosso problema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here