Niente più gelati nei territori occupati: la presa di posizione politica del noto brand

0
64
gelati ben & jerry's israele palestina gelati

Nei territori palestinesi occupati dagli israeliani non saranno più in vendita i gelati del noto marchio Ben & Jerry’s. 

Il fornitore, che ha già preso posizione in passato su argomenti di grande impatto nell’opinione pubblica, ha deciso di mostrarsi coerente e di interrompere la vendita dei propri gelati nei territori occupati.

LEGGI ANCHE => Cosa sta succedendo fra Israele e Palestina: scoppiano le violenze durante il Ramadan

“Riteniamo che sia incoerente con i nostri valori che il gelato di Ben & Jerry’ s venga venduto nei Territori palestinesi occupati”, si legge nella nota del brand, che si era già distinto per l’appoggio al movimento Black Lives Matter e per le posizioni espresse sulla riforma della giustizia penale e sul cambiamento climatico.

La società che fa capo a Ben & Jerry’s, la britannico-olandese Unilever, ha precisato che il ritiro dei gelati dal mercato riguarda solo la Cisgiordania: “Rimarremo in Israele”, ha spiegato la Unilever, sottolineando come non si tratti di un affondo al Paese.

Netanyahu e Bennet durissimi: “Gelato anti-israeliano”

Nonostante questo chiarimento, la reazione da parte degli esponenti politici israeliani è stata durissima. Non si è fatta attendere la replica dell’ex primo ministro Benjamin Netanyahu, che oggi guida l’opposizione al governo Bennet.

LEGGI ANCHE => “Nessuno pensa ai bambini…”: che attacco alla nota attrice dopo il post pro Israele

“Ora noi israeliani sappiamo quale gelato non comprare”, ha detto Netanyahu. Concetto che viene condiviso proprio dall’attuale premier, Naftali Bennet, che ha parlato di decisione “moralmente sbagliata” e ha etichettato Ben & Jerry’s come “gelato anti-israeliano”, annunciando conseguenze per Unilever.

Per il ministro degli esteri israeliano Yair Lapid si tratterebbe invece di una “vergognosa capitolazione dell’antisemitismo”, come riporta “Il Giornale”.

Il movimento Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (Bds) plaude invece alla mossa del brand di gelati, ma chiede che il boicottaggio venga esteso “a tutto l’apartheid israeliano”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here