“Credevo di morire…”: il racconto della terribile esperienza di Eva Henger

0
374
eva henger attacco di panico ospedale

Eva Henger ha confessato al settimanale Oggi di aver avuto un forte attacco di panico che l’ha costretta al ricovero in ospedale. 

Come riporta anche il quotidiano sportivo “Tuttosport”, la celebre showgirl ha rivelato di aver pensato anche al peggio.

“A un certo punto ho iniziato a sentire il cuore battere, soffro di extra-sistole, poi comincio ad avere un dolore fortissimo al petto e ad avere difficoltà di respiro – ha raccontato la 47enne a Oggi – Ero convinta di morire, le mani mi si sono addormentate, poi le gambe… a quel punto mio marito mi ha portata in ospedale. Ho vissuto lo sconforto, la pena, l’angoscia dell’attimo in cui ti senti che te ne stai andando; è stato terribile”.

LEGGI ANCHE => GF VIP, Eva Henger dura nei confronti di Zelletta: si torna a parlare di “comodino”

Dopo molte ore Eva Henger è riuscita a calmarsi, ma la paura per quell’episodio le è rimasta. La showgirl soffre di attacchi di panico da circa 20 anni, esplosi con la malattia del suo ex marito, Riccardo Schicchi, venuto a mancare nel 2012. Problematiche che è riuscita a tenere a bada anche con l’ausilio di farmaci come il Lexotan.

Cosa sono gli attacchi di panico? I sintomi principali

Ma cosa sono esattamente gli attacchi d’ansia e di panico? Si tratta di episodi di improvvisi e intensa paura, accompagnati molto spesso da sintomi somatici e cognitivi.

LEGGI ANCHE => Genitori nel porno: intervista doppia al figlio di Rocco Siffredi e a Mercedesz Henger

La persona che soffre di attacchi di panico manifesta quindi una rapida evoluzione dello stato ansioso con il sopraggiungere di palpitazioni, vertigini, mancanza di respiro, dolore al petto, tremori e paura di morire. Una volta sperimentato l’attacco di panico, si ha sempre paura di rivivere quel terribile momento, scatenando un circolo vizioso.

Vanno tenute alla larga tutte le situazioni potenzialmente ansiogene. Nei casi più gravi ci si può affidare alla psicoterapia. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here