“Discriminati per tutta la partita”: il razzismo nel calcio non è solo contro i neri

0
78

Durante la partita tra Arabia Saudita e Giappone, il pubblico sugli spalti ha rivolto insulti razzisti ai calciatori nipponici.

La sconfitta di ieri in casa dell’Arabia Saudita mette a rischio la qualificazione del Giappone al prossimo mondiale di calcio. La nazionale nipponica, campione d’Asia da quattro edizioni consecutive, non manca all’appuntamento con i mondiali dal 1994, dunque si tratterebbe di un’esclusione storica e cocente.

Sotto accusa al momento c’è il tecnico della formazione del Sol Levante, Hajime Moriyasu, già criticato dalla stampa per la brutta sconfitta in casa contro l’Oman. La stampa locale dopo il tonfo saudita ha accusato l’allenatore di non avere il polso della situazione e di aver già cercato un alibi prima dell’incontro, parlando dei problemi causato dal jet-lag, dal caldo e dalla trasferta. Adesso il Giappone dovrà vincere assolutamente il prossimo match contro l’Australia per cercare di rimanere ancorato al sogno mondiale.

Leggi anche ->Barnaba Barcellona, il gesto in gara vale più di un trionfo: le immagini

Razzismo nel calcio: tifosi sauditi discriminano i calciatori giapponesi

Ciò che è emerso a livello internazionale, però, non è stata tanto la sconfitta, quanto la rabbia palesata a fine gara dal difensore della Sampdoria Maya Yoshida. Il calciatore è stato visto parecchio nervoso a fine incontro: camminava nei pressi della curva, urlava qualcosa e indicava gli spalti. Prima che la scena si prolungasse troppo, i dirigenti nipponici lo hanno allontanato dagli spalti ed hanno cercato di farlo calmare.

Tuttavia Yoshida non si è calmato del tutto, infatti a fine incontro ha parlato apertamente delle ragioni della sua rabbia: “Ci sono stati gesti discriminatori per tutta la partita”. Un episodio che non è singolo, ma parte di un fenomeno che va avanti da tempo: “E’ difficile da accettare. È successo anche nelle ultime qualifiche. È una delusione”.

Leggi anche ->Sexy influencer 50enne rivela: “Un calciatore mi ha offerto 50mila euro”. Di chi si tratta?

Quanto accaduto dimostra che nel mondo del calcio il razzismo è purtroppo un fenomeno molto diffuso. Sono tanti ed enormi i passi in avanti da fare per sconfiggere questo malcostume di cui si macchiano tantissimi tifosi. Solo pochi giorni fa qualcosa di simile si è verificato durante la partita tra Fiorentina e Napoli, con i tifosi che si sono macchiati di razzismo nei confronti del difensore partenopeo Koulibaly.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here