Francesco Facchinetti col naso rotto denuncia una clamorosa aggressione: “Una cosa da pazzo scatenato”

0
231
facchinetti mcgregor pugno aggressione

Conor McGregor avrebbe preso a pugni Francesco Facchinetti. 

E’ quanto denuncia lo stesso showman, che sul suo profilo social fa presente di essere stato picchiato dal lottatore irlandese di MMA.

Stando a quanto affermato da Facchinetti, McGregor gli avrebbe rifilato un pugno in pieno volto, spaccandogli il labbro e rompendogli il naso. Una reazione immotivata, dato che i due erano insieme a Roma, all’hotel St. Regis.

LEGGI ANCHE => La rabbia di Francesco Facchinetti per le file in aeroporto al rientro in Italia: “Siamo un paese che è una barzelletta”

Erano all’incirca le 2:30 della scorsa notte quando McGregor ha colpito Facchinetti: “Eravamo insieme, abbiamo parlato e ci siamo divertiti per due ore, poi dal nulla si è scagliato contro di me: sono vivo per miracolo, potevo morire”, afferma lo showman nelle sue Storie su Instagram.

“Eravamo all’hotel St. Regis per conoscerlo, tutto andava bene fino a quando senza motivo mi ha tirato un pugno in faccia. Siamo alla follia, ci sono diversi testimoni che possono confermarlo – chiarisce Facchinetti – Non avrei mai pensato di vivere una cosa del genere”.

McGregor è a Roma per il battesimo di suo figlio

“McGregor è altamente pericoloso – prosegue il figlio di Roby Facchinetti – poteva tirare un pugno anche a mia moglie, abusare del proprio potere in questo modo è totalmente sbagliato e dannoso per la società”.

LEGGI ANCHE => Conor McGregor preoccupa i fan: tutta colpa di un video (poi rimosso)

Come noto, il lottatore irlandese di MMA si trova a Roma fino al 26 ottobre per il battesimo di suo figlio Rian. In questi giorni di permanenza nella Capitale, McGregor era parso molto tranquillo, perfettamente integrato nel clima romano tra shopping e incontri con personaggi di spicco.

Facchinetti spera ora che l’albergo farà vedere i filmati dove comparirebbe l’aggressione del lottatore ai danni dello showman. “Per fortuna, ci sono stati i suoi amici che lo hanno fermato perché lui sarebbe andato avanti a picchiarmi senza una ragione – aggiunge Facchinetti – Siccome è recidivo a comportamenti del genere, spero che questa sia la volta buona che la paghi. Confido nelle autorità e nella legge italiana”.

Facchinetti picchiato da McGregor, il racconto di Benji

Benjamin Mascolo, ex componete del duo Benji e Fede, era presente durante l’aggressione subita da Francesco Facchinetti dal campione di MMA Conor McGregor.

Ed ha raccontato in una serie di stories su Instagram quanto accaduto, visibilmente sotto shock:

“Ieri sera, dopo questo evento fatto a Roma, eravamo a cena, un gruppo di amici, c’erano mia moglie (Bella Thorne, ndr), mio fratello, la mia famiglia e Conor McGregor, il lottatore, ha mandato un messaggio a una persona a me cara, che potete immaginare chi è, ma non farò il nome perché non voglio coinvolgerla senza il suo permesso, dicendo: ‘Vieni in hotel da me, insieme ai tuoi amici a fare festa’, quindi finiamo la cena e andiamo all’hotel per incontrale, andiamo lì all’hotel, a mezzanotte e mezza e ci accolgono le sue guardie che ci accompagnano nella sua stanza che è una specie di sala riunioni dell’hotel, adibita a bar, con bottiglie di vodka, gin, alcolici e cibo”.

Sin lì una serata assolutamente tranquilla.

E la serata è tranquilla (gioiosa, addirittura) nel momento in cui McGregor arriva in stanza:

“Le guardie ci fanno aspettare 30 minuti finché Conor non si presenta con i suoi amici nella stanza verso l’1 di notte. A quel punto cominciamo a parlare, siamo stati grandi fan di Conor in questi anni, quindi entrato nella stanza applaudiamo, felici di vederlo, cominciamo a parlare, i toni sono amichevoli, sono positivi, siamo felici, stiamo scherzando, ridendo, tutto procede per il meglio. Questo periodo dura 2 ore, nei quali i toni rimangono super amichevoli, scherzosi. Alle 3 mia moglie dice che voleva andare a dormire, stamattina (17 ottobre, ndr) abbiamo un evento, abbiamo treno presto, salutiamo Conor che ci chiede di restare ancora perché voleva fare festa”.

Ma il diniego di Benji e di Bella di rimanere sembra incrinare qualcosa:

“In questa situazione siamo io, mio fratello, mia moglie, il mio manager, Francesco Facchinetti con sua moglie, al che McGregor dice ‘No, rimanete a fare festa’. Francesco, che a era a fianco a me dice: ‘Ma sì, dai, noi rimaniamo se voi volete andare a dormire’. Conor McGregor, dal niente, senza alcun valido motivo gli tira un pugno in faccia, io ero lì a 30 centimetri di distanza, sono ancora scioccato, soprattutto perché mia moglie era accanto a me, potete immaginare quanto questa cosa mi abbia scosso. McGregor quindi tira un pugno, ma un pugno vero, in faccia a Francesco Facchinetti, lo becca, gli spacca il labbro qua in mezzo e lo becca anche sul naso. Francesco finisce dall’altra parte della stanza, senza cadere per terra, in quel momento le guardie di Conor si sono lanciate su di lui, l’hanno preso e l’hanno portato via di forza, saranno state almeno cinque o sei persone perché altrimenti sarebbe andato avanti”.

Riassumendo quindi il resto delle lunghe stories, Benji ha sottolineato come sarebbe opportuno che Facchinetti denunci il lottatore:

Noi eravamo in stato di shock, perché è assolutamente una cosa da pazzo scatenato. Gli ho detto che se avesse deciso di denunciarlo e credo bisogna farlo, è un dovere civico, perché se questa cosa succede di nuovo in Italia o ovunque nel mondo e tu non l’hai denunciata in parte è anche responsabilità tua perché è nostro obbligo fermare delle persone del genere”.

Per McGregor una figuraccia internazionale dinnanzi a dei tifosi vip che sicuramente cesseranno di esserlo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here