“Facciamo come vogliamo”: follia nella scuola no vax alle porte di Milano

0
1358

In una scuola alle porte di Milano non viene rispettata alcuna regola per cercare di arginare i contagi da Covid-19.

L’inchiesta del quotidiano “Il Giornale” ha fatto emergere ciò che accade all’interno della scuola parentale “Rondò”, situata a Sesto San Giovanni, pochissimi chilometri da Milano. L’inviata del Giornale si è introdotto all’interno dell’Open Day, munita di telecamera nascosta.

In questo modo ha potuto documentare che nella scuola non è previsto alcun distanziamento e che nessuno indossa la mascherina. Tutte le precauzioni anti-contagio, che ormai conosciamo fin troppo bene, non solo non compaiono, ma vengono anche prese in giro da genitori e docenti no-vax.

LEGGI ANCHE => “Ascoltava cortesemente i pirla ma non li amava”: la bordata della figlia di Stefano Rodotà ad una frangia No Vax

Durante l’open day, il responsabile della didattica, Roberto Dallera, parla di “dittatura” che avrebbe come obiettivo quello di “cancellare il pensiero vivente”.

“Nelle scuole tradizionali i bambini non possono nemmeno alzare la mano – afferma il docente, che poi si rivolge ai genitori – Noi vogliamo crescere i vostri figli per farli combattere per la libertà”.

Fino ad arrivare a quella frase agghiacciante: “Qui dentro chiudiamo le tende e facciamo quello che vogliamo”.

L’inviata del Giornale è tornata con la telecamera: ecco cosa è accaduto

Una posizione, quella dei docenti, ampiamente condivisa dai genitori. “L’importante è che i vostri figli abbiano sempre una mascherina in tasca così se arrivano i controlli la mettono. Dobbiamo sopravvivere”, proseguono i prof.

LEGGI ANCHE => La deputata no vax con la maschera di Hannibal Lecter fa discutere il web: chi è e perché l’ha fatto?

Ma la follia prosegue anche sulla quarantena. Per i docenti sono i genitori a decidere cosa fare, dato che per la scuola parentale “Rondò” un positivo al tampone non è sinonimo di malattia: “Anzi, è un caso di immunità per reazione a un sintomo. Chi è positivo è un portatore sano. Scegliete voi”.

L’inviata del Giornale racconta che il giorno dopo la troupe del quotidiano è tornata con la telecamera, ricevendo un’accoglienza opposta. Oltre a non rispondere alle domande, il personale dell’istituto scolastico li ha spinti fuori, urlando contro di loro una serie di insulti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here