Luca Argentero e il dramma del Covid in Doc 2: “Anche noi abbiamo dovuto prendere una decisione”

0
309

Tra gli ospiti che animeranno la puntata odierna di Domenica In ci sarà anche Luca Argentero, che parlerà soprattutto della nuova stagione di Doc – Nelle tue mani. 

La serie vede protagonista l’attore 43enne torinese, che interpreta il ruolo di Andrea Fanti, un medico che ha perso la memoria e non ricorda nulla degli ultimi dodici anni. Nella seconda stagione uno degli argomenti dominanti sarà quello relativo all’emergenza Covid-19.

LEGGI ANCHE => “Il mio errore più grave…”: il 2022 di Domenica In comincia con Massimo Ranieri

La seconda stagione di Doc – Nelle tue mani andrà in onda su Rai Uno ogni giovedì alle 21:25: si comincia giovedì 13 gennaio per finire giovedì 3 marzo (con sospensione durante il Festival di Sanremo, ndr).

Nella prima puntata la serie è ambientata nel febbraio 2020, quando un nuovo virus in arrivo dalla Cina i piani di tutti. Anche quelli del Doc, che cerca di tenere unita la sua squadra nonostante Giulia, Lorenzo, Gabriel e Elisa abbiano programmi diversi.

“Anche noi dovremo prendere quella decisione…”: lo spoiler di Argentero

Argentero ha pubblicato un paio di giorni fa un post su Instagram dove annunciava la fine delle riprese della seconda stagione dell’apprezzata serie TV.

“Quella è la porta del mio camerino – scrive l’attore piemontese – L’abbiamo chiusa ieri per l’ultima volta dopo 130 giorni di riprese. Una maratona. Anche questa volta abbiamo la sensazione di aver raccontato una grande storia, ma questo ce lo direte voi fra 7 giorni”.

luca argentero

LEGGI ANCHE => Domenica In, Paolo Del Debbio racconta del padre e scoppia in lacrime: il drammatico racconto

“Forse quest’avventura ci ha addirittura reso delle persone migliori… di certo ci ha cambiato”, ha poi aggiunto l’artista.

In un’intervista rilasciata a Sette, Luca Argentero è sceso maggiormente nel dettaglio: “Anche noi ci troveremo a dover decidere a chi dare la bombola di ossigeno – le parole dell’attore – La colpa non è del medico che sceglie in coscienza, bisogna invece chiedersi perché non c’erano bombole per tutti quelli che ne avevano bisogno”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here