Lee MacMillan si suicida a soli 28 anni. La nota influencer travolta da un treno in corsa

0
2018
lee macmillan

La nota influencer Lee MacMillan è morta all’età di 28 anni. 

La star online, che aveva un seguito di oltre 60.000 follower sul suo account Life with Lee, si sarebbe tolta la vita dopo aver combattuto a lungo contro una forte depressione.

Lee era un’influencer nota per aver intrapreso un viaggio intorno al mondo con il suo furgone. Inoltre, la 28enne condivideva spesso situazioni e momenti riguardanti la sua vita sulla piattaforma di social media.

LEGGI ANCHE => Influencer 24enne muore tra le braccia di un’amica: s’è dovuta arrendere all’anoressia

Stando a quanto riferito dall’emittente californiana KEYT-TV, l’ufficio dello sceriffo della contea di Santa Barbara ha identificato Lee come la donna travolta e uccisa da un treno in corsa vicino a Santa Barbara. La tragedia si è consumata la scorsa settimana.

Un post comparso sull’account Instagram di Lee MacMillan, comparso lunedì, ha confermato che la 28enne si è suicidata.

“Chiedete aiuto, i social non sono la vita”

“Se possiamo fare una cosa per Lee ora, nel mezzo di questa perdita che schiaccia l’anima, è diffondere il messaggio che la salute mentale è un’esigenza reale quanto la salute fisica – si legge nel post – e che la malattia può colpire chiunque, non importa quanto improbabile possa sembrare. Va bene non sentirsi ok, va bene chiedere aiuto, è assolutamente necessario chiedere aiuto”.

Come riferito nel post, Lee stava ricevendo aiuto “dai professionisti, dalla famiglia, dagli amici”.

LEGGI ANCHE => La popolare YouTuber Amanda è morta in un incidente motociclistico mentre scappava dalla polizia

“Aveva supporto intorno a lei. Non era sola, non stava combattendo da sola. Eppure ha ceduto a questa terribile malattia”. Come riporta anche il Daily Star Online, l’obiettivo del messaggio è quello di esortare tutti coloro con problemi di salute mentale a cercare aiuto e a non dare peso alla necessità di “apparire perfetti” su Instagram.

“La vita è più complessa di un singolo post sui social media. Non credete a ciò che vedete online – conclude il post – Uscite, parlatene con i vostri cari, diffondiamo la consapevolezza di questo problema”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here