Neuralink di Elon Musk ha fatto giocare una scimmia a Pong con il solo pensiero – VIDEO

0
467
neuralink elon musk

L’azienda di chip neuronali dell’imprenditore miliardario Elon Musk ha pubblicato un video dove si vede una scimmia che sembra giocare a un videogioco con il solo pensiero. 

Il protagonista del filmato di tre minuti di Neuralink, pubblicato giovedì 9 aprile, è Pager, un macaco maschio con chip incorporati su ciascun lato del cervello per giocare a “Mind Pong”.

Sebbene sia stato addestrato a muovere un joystick, Pager riesce in questo caso a spostare il cursore semplicemente pensando di muovere la mano su o giù.

LEGGI ANCHE => L’annuncio della compagna di Elon Musk: “Sono pronta a morire su Marte”

“Il primo prodotto Neuralink consentirà a chi soffre di paralisi di utilizzare uno smartphone con la mente più velocemente di chi usa i pollici”, ha twittato Musk.

“Le versioni successive saranno in grado di deviare i segnali dai Neuralink nel cervello ai Neuralink nei cluster di neuroni motori / sensoriali del corpo, consentendo così, ad esempio, ai paraplegici di camminare di nuovo – spiega ancora il multimiliardario – Il dispositivo è impiantato a filo con il cranio e si ricarica in modalità wireless, pertanto ci si sente completamente normali”.

I chip di Neuralink potrebbero aiutare le persone colpite da Alzheimer

Neuralink funziona registrando e decodificando i segnali elettrici dal cervello utilizzando più di 2.000 elettrodi impiantati nelle regioni della corteccia motoria della scimmia, in modo tale da coordinare i movimenti della mano e del braccio.

LEGGI ANCHE => Elon Musk avvisa: l’umanità potrebbe estinguersi prima di colonizzare Marte

“Utilizzando questi dati, calibriamo il decodificatore modellando matematicamente la relazione tra i modelli di attività neurale e i diversi movimenti del joystick”, spiega il video.

Co-fondata da Musk nel 2016, Neuralink – con sede a San Francisco – mira a impiantare chip wireless nel cervello per aiutare a curare condizioni neurologiche come l’Alzheimer, la demenza e le lesioni del midollo spinale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here