Chernobyl, 35 anni fa il disastro. Migliaia di casi di tumore tra i bambini, zona inabitabile “per 20.000 anni”

0
186
chernobyl disastro bambini

Sono passati 35 anni esatti dal disastro nucleare di Chernobyl, che provocò caos e scatenò il panico in tutto il mondo. 

Il 26 aprile 1986 uno dei reattori della centrale elettrica saltò per aria, emettendo radiazioni mortali in tutta l’ex Unione Sovietica e provocando 66 morti accertate, oltre a più di 5.000 casi di tumore e circa 116.000 sfollati.

Tantissime persone hanno riportato pesanti conseguenze in seguito al disastro nucleare. I vigili del fuoco che sono intervenuti sul luogo della catastrofe non erano consapevoli delle enormi quantità di radiazioni a cui erano stati esposti.

Entro poche settimane dal disastro, 29 tra operai della centrale elettrica e vigili del fuoco erano morti a causa della sindrome da radiazioni acute.

L’ingegnere Oleksiy Breus, un membro dello staff del reattore, in precedenza aveva rilasciato alcune agghiaccianti dichiarazioni alla BBC Ukrainian: “Ho visto altri colleghi che hanno lavorato quella notte. La loro pelle aveva un colore rosso brillante. In seguito sono morti in ospedale a Mosca”.

LEGGI ANCHE => Mistero su Chernobyl: utente di TikTok ha trovato delle ossa umane su Google Maps

“L’esposizione alle radiazioni, la pelle arrossata, le ustioni da radiazioni e le ustioni da vapore erano ciò di cui molte persone parlavano – ha aggiunto – quando ho finito il mio turno, la mia pelle era marrone, come se avessi un’abbronzatura su tutto il corpo. Le parti del mio corpo non coperte dai vestiti – come mani, viso e collo – erano di colore rosso”.

La zona di Chernobyl non sarà abitabile “per 20.000 anni”

L’incidente ha interessato milioni di abitanti in Ucraina e Bielorussia, anche quelli che vivevano lontano dalla centrale di Chernobyl. Nei primi cinque anni dopo il disastro, i casi di cancro tra i bambini sono aumentati di oltre il 90% in Ucraina.

LEGGI ANCHE => Chernobyl, 35 anni dopo: 5 film / serie tv / documentari che parlano del disastro

Si ritiene che circa 5.000 persone, tra cui molti bambini, abbiano sviluppato il cancro alla tiroide dopo essere state esposte alle radiazioni. Inoltre i bimbi dell’epoca hanno bevuto latte contaminato, ingerendo quindi iodio radioattivo.

Anche la fauna selvatica circostante è stata interessata da pesanti mutazioni genetiche, come ad esempio insetti, uccelli e topi con occhi mancanti.

Gli scienziati sostengono che la zona intorno all’ex impianto non sarà abitabile per altri 20.000 anni.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here