Reazione a Catena, insulti e minacce a Sara Vanni: la campionessa risponde per le rime

0
186
sara vanni

Si è affidata ad un post su Twitter per raccontare lo spiacevole episodio che le è accaduto. 

Sara Vanni è una delle tre componenti del gruppo “Le Sibille” che da giorni continuano a stupire nel programma “Reazione a Catena”, condotto da Marco Liorni su Rai Uno. Le tre ragazze, tra cui anche Sara Vanni, sono tutte insegnanti e stanno sfoderando performance strepitose puntata dopo puntata, che le consentono di rimanere imbattute.

LEGGI ANCHE => La Germania e la partita per i diritti LGBTQ+: ma la Uefa si mette in mezzo

Tuttavia, la felicità per questi risultati è stata smorzata da quanto accaduto proprio a Sara Vanni, che lei stessa ha voluto rendere pubblico sul social dei “cinguettii”. La giovane docente è arrivata addirittura a ricevere insulti e minacce via social, che hanno preso di mira anche la sua famiglia.

Sara Vanni insultata a causa del suo orientamento sessuale

“A causa delle minacce ricevute nei miei confronti, della mia famiglia e dei miei amici ho esposto una querela verso alcuni profili – ha scritto Sara Vanni su Twitter – Questa sera non commenterò sui social Reazione a catena che, ricordiamo è un gioco e quello doveva restare”.

LEGGI ANCHE => Referendum LGBT+ in Ungheria, la presa di posizione di Lewis Hamilton nella settimana del GP

Ma cosa ha fatto scatenare tutto questo odio social nei confronti della concorrente di “Reazione a Catena”? A quanto pare, Sara Vanni sarebbe stata insultata a causa del suo orientamento sessuale, in quanto membro della comunità LGBT. “In tutto questo sono stata insultata e minacciata anche per il mio orientamento sessuale – ha tenuto a precisare l’insegnante – Se la legge Zan fosse stata approvata, avrebbe costituito un’aggravante”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here