“Basta con gli uomini”: le gemelle Kessler e la loro vita a 85 anni

0
248
gemelle kessler domenica in

Tra i tanti ospiti della puntata odierna di Domenica In ci saranno anche le gemelle Kessler. 

Un’indiscrezione che era trapelata già da qualche giorno, ma che ora è possibile confermare ufficialmente. Come noto, le gemelle Kessler sono state delle vere e proprie protagoniste della televisione italiana a cavallo tra gli anni ’60 e gli anni ’80.

Introdotte in Italia dal regista Antonello Falqui, che le aveva notate e largamente apprezzate a Parigi, le gemelle Alice ed Ellen debuttarono in Rai nel 1961 in “Giardino d’Inverno”, un varietà che riscosse molto successo. Da quel momento in poi è cominciata una carriera straordinaria.

LEGGI ANCHE => Domenica In, per Mara Venier un imprevisto in diretta: “Ve lo devo confessare…” – VIDEO

Lo scorso agosto le due gemelle più famose della televisione hanno compiuto 85 anni, ed è per questo che Mara Venier le ha fortemente volute nel suo studio per festeggiarle come si deve.

Per celebrare le gemelle Kessler saranno infatti presenti Vincenzo Mollica, Pino Strabioli, Fabio Canino e Pupo, con tanto di esibizione del cantante assieme ad Alice ed Ellen sulle note di “La notte è piccola” e “Da da um pa”.

“Basta con gli uomini, ora abbiamo solo tanti amici gay”

In una recente intervista rilasciata al Corriere della Sera proprio in occasione del loro 85esimo compleanno, le gemelle Kessler hanno rivelato di non avere più interesse per gli uomini.

LEGGI ANCHE => Teo Teocoli torna a Domenica In dopo i problemi di salute: cosa ha avuto?

“Ora abbiamo solo tanti amici gay, che sono dei fantastici cavalieri!”, ha detto Ellen, che ha poi esaltato le doti artistiche di Frank Sinatra: “Abbiamo lavorato insieme due volte. Stupendo: cantava, recitava, con noi era sempre gentile e ci trattava come due ladies”.

Le gemelle Kessler hanno inoltre intenzione di lasciare tutta la loro eredità a Medici senza Frontiere: “Non abbiamo più parenti e se li abbiamo non li conosciamo – hanno svelato nell’intervista – Abbiamo scelto loro perché rischiano la vita per gli altri, hanno preso il Nobel per la Pace e sono seri”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here