Muoiono dopo aver ingerito dei frutti velenosi in giardino: il dramma di due fratellini

0
1176
fratellini frutti velenosi morti

Volevano solo mangiare delle mele, ma non si sono accorti che in realtà erano dei frutti velenosi.

E’ una vera e propria tragedia quella che si è verificata sabato scorso in Colombia, precisamente nel villaggio di Montecitos, nel comune di Rio de Oro. Un bimbo di cinque anni, assieme alla sua sorellina di tre, hanno ingerito alcuni frutti del giardino della loro nonna.

Tuttavia, dopo alcune ore, entrambi hanno cominciato a star male, fino al tragico epilogo.

LEGGI ANCHE => Uomo ubriaco morde un cucciolo di vipera per vendetta: il risultato è drammatico

I piccoli Jhofran Mathias Gonzalez Chaya e Amira Jhasley Chaya hanno colto i frutti da un piccolo albero conosciuto in Colombia come “bola de toro” o “huevo de toro”.

L’agenzia di stampa locale Noticias RCN riferisce che la famiglia, che risiede in Venezuela, si trovava nel villaggio colombiano per far visita alla nonna.

“I bambini pensavano che fossero mele, per questo le hanno mangiate. Dopo qualche ora hanno cominciato a vomitare, mostrando tutti i sintomi di avvelenamento”, ha detto Jesus Elias Vanegas, vicino di casa.

Il piccolo è morto durante il trasferimento in un altro ospedale

I due bimbi sono stati portati all’ospedale Emiro Quintero Canizares, dove sono rimasti per due giorni, stando a quanto riferito dal quotidiano locale El Pilon.

Come spiegato dal papà delle vittime, il maschietto ha mangiato sei frutti, mentre la bimba quattro. “Li abbiamo portati in ospedale per curarli, ma veniamo dal Venezuela e l’assicurazione non contava molto – ha spiegato il padre – Alla piccola hanno dato l’antidoto ma è finita in terapia intensiva, dove è morta”.

LEGGI ANCHE => Morto il guru che si spruzzò in bocca l’insetticida: fatale per lui un attacco cardiaco

Come riporta il Daily Star, i genitori hanno chiesto aiuto all’ufficio del difensore civico della Colombia, in modo che l’altro figlio potesse essere trasferito in un ospedale meglio attrezzato, situato nella città di Cucuta. Il trasferimento è stato autorizzato, ma il piccolo ha avuto un arresto cardiaco durante il tragitto che gli è stato fatale.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here