Le conficca un coltello di 20 cm in faccia, 60enne viva per miracolo: immagini agghiaccianti

0
523

Un’aggressione terribile che le ha sfregiato il viso, rischiando seriamente di ucciderla. 

Una donna di 60 anni è stata aggredita da un uomo, che le ha conficcato un coltello lungo 20 centimetri nel naso.

Le immagini circolate sul web e riportate dal Daily Star Online sono davvero scioccanti e mostrano il viso della donna pieno di sangue, con la lama conficcata. L’orribile aggressione è avvenuta nella regione di Krasnodar, in Russia.

LEGGI ANCHE => Accoltellata leggenda del rugby durante un furto: è in gravi condizioni

Stando a quanto riportato dai media locali, la donna è stata vittima di una “disputa domestica”: solo l’intervento di un vicino e dei paramedici ha salvato la vita alla donna.

I sanitari sono riusciti ad estrarre il coltello dalla faccia della vittima, riuscendo a garantire anche le cure mediche di emergenza.

coltello cranio faccia

Le immagini a raggi X mostrano che il coltello era conficcato nel naso e nel viso, ma solo per una questione di fortuna non ha causato ferite mortali.

Un uomo di 64 anni è accusato di tentato omicidio

Non a caso, i report sanitari comunicati dai medici e anche dagli agenti delle forze dell’ordine sottolineano come si tratti di un vero e proprio “miracolo” che la donna sia sopravvissuta all’aggressione.

Un uomo di 64 anni è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio.

LEGGI ANCHE => Poliziotta accoltellata in Francia, spunta la pista terroristica: ha urlato “Allah Akbar”

I medici hanno confermato ai media locali che, sebbene le aree del naso e dei seni paranasali siano state danneggiate, la donna non ha riportato lesioni permanenti. 

“La vittima è riuscita a correre in strada e chiedere aiuto – fa sapere il Comitato Investigativo Russo (RIC) – Solo grazie a questo l’aggressore non ha potuto portare a termine il suo intento criminale, dato che era chiaramente intenzionato ad uccidere sua moglie”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here