La voce forte di Lottomatica che richiede l’intervento del governo sui giochi

By | 22/12/2016
(Visite Totali 3 ---- Visite Oggi 1 )

Senz’altro, la conferma di Pier Carlo Padoan al Ministero dell’Economia si potrebbe considerare come un segno di continuità e questo potrebbe anche offrire una chance per portare a termine il percorso che per la riforma del gioco e dei casino online è stato fatto sino ad ora.

Vale per tutto ciò che è stato fatto per il Paese, in generale, ma a noi da queste righe interessa particolarmente che vi sia continuità con le proposte di ristrutturazione del settore ludico che erano arrivate ad un “discreto punto di incontro”. Basta però che la riconferma di Padoan non si tramuti con la riconferma dell’impasse nella quale ci si è trovati nella risoluzione della “questione territoriale” che ha fatto “spendere” ai diretti interessati in Conferenza Unificata parole a fiumi e discussioni indescrivibili.

La domanda, comunque, che ci si pone relativamente all’operato del nuovo Governo non è più nel “quando” verrà effettuato un intervento sui giochi, dando per scontato che ormai l’Esecutivo sappia che è primaria la necessità di trovare una soluzione a breve, ma quanto sul “come” si potrà intervenire: e questo sperando di tutto cuore in una riforma vera e non in un’altra “toppa” cucita nell’urgenza a cui il gioco purtroppo è ormai abituato ad assistere. Quello sì che si tradurrebbe in un chiaro “segnale di continuità” con il passato!
Non si può, in ogni caso, non riferire del “grido” di Lottomatica che fa sentire la sua “potente voce” che aspetta di vedere cosa farà il nuovo Governo che si andrà a costituire definitivamente. Per quanto riguarda la riforma dei giochi, Lottomatica spera proprio che sia un intervento definitivo che tutti gli operatori, dai più grandi ai più piccoli, stanno aspettando da tanti anni e che si potrà ottenere solo se il nuovo Governo si formerà in un’ottica di stabilità. Senza quello, si continuerà in un percorso “indeciso” e con poca speranza di arrivare a della concretezza riformista.

Continua Lottomatica, nota azienda produttrice di casino online con giochi dal vivo, sottolineando che con il passare del tempo (e degli anni) questa agognata riforma dei giochi diventa sempre più necessaria se si guarda al “conflitto perenne” tra Stato ed Enti Locali che sta, purtroppo, portando con il continuo crescere delle norme locali ad una espulsione esponenziale del gioco legale dai territori, a favore chiaramente del gioco illecito che “sguazza felicemente” nel mare dei regolamenti restrittivi a cui vengono sottoposti gli operatori leciti. L’intervento dello Stato diventa, a questo punto, non solo indispensabile ma doveroso poichÈ deve una volta per tutte proteggere “la sua riserva di Stato” per troppo tempo lasciata in balìa degli eventi e “tirata per la giacca” da tutte le parti, con i risultati disastrosi che l’economia delle industrie del gioco stanno affrontando da anni.

Neppure la necessità di preservare l’enorme gettito che il settore ludico riversa nel “pozzo dell’Erario” sembra aver fatto “muovere” i vari esecutivi verso una riforma che deve essere assolutamente portata a termine nel modo giusto ed equo per tutti. Non si deve dimenticare che dalla riforma dipendono i famosi bandi di gara per le nuove concessioni e trattando Lottomatica del settore delle lotterie non si può esimere dal guardare a questo segmento del gioco, e particolarmente al SuperEnalotto, visto che di lotteria si tratta. Quindi, in definitiva ci si auspica l’intervento fermo e risolutivo del nuovo Governo che, almeno per questo, si potrebbe differenziare dalle legislazioni precedenti. Sperare non fa male… almeno così dicono.