Femminicidio Udine, prima di uccidere la fidanzata Francesco ha passato la serata con un’altra donna

By | 12/08/2017
(Visite Totali 1.067 ---- Visite Oggi 1 )

Ha ucciso la fidanzata strangolandola, poi l’ha trasportata in macchina per le vie di Udine e infine, dopo molte ore, si è presentato in caserma per costituirsi e rivelare il gesto compiuto. L’autore del omicidio, reo confesso, si chiama Francesco Mazzega, 36enne residente a Udine, mentre la ragazza morta per mano sua era la giovane fidanzata Nadia Orlando, appena ventunenne. L’omicidio sarebbe avvenuto nella notte tra il 31 luglio e il primo agosto a Udine e i carabinieri stanno indagando per appurare i numerosi dettagli rimasti oscuri nonostante Mazzega abbia confessato il delitto. Gli inquirenti, infatti, stanno proseguendo le indagini per ricostruire in particolare i momenti che hanno preceduto la follia omicida del 36enne e hanno scoperto che la sera prima del delitto l’uomo era in compagnia di un’amica e collega di lavoro.

A riferirlo sarebbe stata la stessa donna, che si è recata a testimoniare spontaneamente dai Carabinieri della stazione di San Daniele del Friuli (Udine) per raccontare la circostanza dopo aver appreso la notizia del delitto. La donna avrebbe riferito ai militari dell’Arma di essere stata contattata da Mazzega via WhatsApp, invitandola a mangiare una pizza da lui. In quel frangente, Mazzega le avrebbe confidato di essere stanco di frequentare persone superficiali e di aver bisogno di una donna matura e fedele con cui costruire qualcosa di serio. Proseguendo la serata, l’uomo l’avrebbe anche invitata a fermarsi a dormire da lui perché ‘rilassatò dalla sua presenza. La donna, però, ha rifiutato l’invito, e la serata sarebbe terminata alle 23 circa. Agli inquirenti la donna avrebbe riferito anche che l’uomo avrebbe negato di fronte a lei di avere una relazione con Nadia. Tutti questi dettagli non erano stati rivelati dall’uomo durante l’interrogatorio cui è stato sottoposto in seguito alla confessione.

“Una volta che è mutato lo scenario delle cause del decesso abbiamo capito che quanto dichiarato è una traccia, certamente con elementi di verità, ma non fedele su quanto accaduto. Ci troviamo di fronte a un fatto che ha avuto una grande eco. La comunità è fortemente turbata. Non mi stupisce che chi può riferire qualcosa di utile lo faccia anche spontaneamente. Siamo in un territorio in cui è ancora molto forte il senso delle istituzioni e la collaborazione dei cittadini è molto elevata”, ha dichiarato il Procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo, commentando la testimonianza spontanea dell’amica di Mazzega.

La Procura, che coordina le indagini sul delitto, ha avviato una serie di accertamenti a tutto campo per chiarire cosa sia accaduto lunedì sera e verificare anche le dichiarazioni rese dall’indagato. È intenzionata anche a svolgere un sopralluogo sulla probabile scena del crimine, “con l’indagato se vorrà collaborare o altrimenti senza”.

(Visite Totali 1.067 ---- Visite Oggi 1 )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *