Terroristi ISIS arrestati a Bari, resta da sbloccare un iPhone

By | 11/05/2016
(Visite Totali 21 ---- Visite Oggi 1 )

Dopo l’arresto di un gruppo di presunti terroristi, appartenenti a una cellula dell’ISIS, a Bari, prende corpo una querelle che potrebbe avere strascichi importanti. I carabinieri del nucleo investigativo del capoluogo pugliese sono riusciti a sbloccare due Samsung Galaxy all’interno dei quali sono state ritrovati video e foto che testimoniavano “sopralluoghi” degli indagati in alcuni punti critici in Italia, come il Colosseo e il Circo Massimo a Roma.

Resterebbe però un altro dispositivo mobile da sbloccare: è l’iPhone 6 Plus di Mansoor Ahmadzai, protetto da codice: secondo gli inquirenti l’analisi della scheda di memoria interna potrebbe portare a nuove informazioni e dati che confermerebbero il coinvolgimento degli arrestati e, soprattutto, potrebbero dare preziose pista su ciò che progettavano davvero. Sorge così spontaneo il paragone col caso dell’iPhone 5c dell’attentatore di San Bernardino che portò a un durissimo scontro tra Fbi e Apple; alla fine i federali riuscirono a sbloccare il dispositivo solo dopo aver pagato un milione di dollari ad hacker israeliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *