Home  »  Tecnologia   »   Nokia: HDM Global salverà il brand finlandese?

Nokia: HDM Global salverà il brand finlandese?

By | 17/02/2017
(Visite Totali 1 ---- Visite Oggi 1 )

Nokia, HDM è intenzionata a rilanciare la società nordica

Ormai lontanissima dai fasti dei primi anni zero, Nokia però potrebbe presto tornare a far parlare di sè: HDM Global nel 2014 ha acquistato tutta la produzione di tablet e smartphone Nokia. In quell’anno Microsoft acquistò il comparto Deviced and Services di Nokia Corporation, che quindi continuò ad esistere sul mercato. HDM e Microsoft hanno però avuto un andamento molto diverso nell’affare Nokia: se l’azienda finlandese ottenne ottimi risultati per quanto concerne le acquisizioni (esempio calzante fu appunto l’inglobamento di Alcatel-Lucent, principale concorrente in quel periodo), invece sul campo degli smartphone il progetto fallì senza alibi visto il clamoroso insuccesso di Nokia Lumia. E questo fu un flop di Microsoft, che nel frattempo aveva acquistato da HDM il diritto a fabbricare smartphone fino al 2017. Adesso dunque le cose sono cambiate, perchè il 18 maggio 2016 HDM Global ha nuovamente acquisito la parte spettante in origine a Microsoft, ottenendo così il diritto esclusivo per lo sfruttamento del brand, potendo così apportare le necessarie innovazioni tecnologiche e di design. HDM è fondamentalmente il versione 2.0 di Nokia, anche perchè i dirigenti sono gli stessi (Arto Nummela è il dg principale e il presidente è Florian Seiche, già in passato dirigente in Siemens). Dieci anni fa Nokia era un colosso, ma in questo arco temporale è cambiato tutto e soprattutto i concorrenti sono aumentati a dismisura: se HDM vuole davvero riportare l’azienda ai fasti di un tempo servono investimenti cospicui e coraggiosi.

Nokia, una seconda vita per l’azienda finlandese?

Arrivano buone notizie intanto per tutti coloro che vorrebbero un ritorno di Nokia ai successi degli anni d’oro: Foxconn, colosso di Taiwan che in passato aveva acquisito una quota di Nokia, sarebbe seriamente intenzionato a investire grosse cifre nel rilancio del brand. Vorrebbe offrire produzione, marketing e vendite: un mix che insieme al know-how, brand e licenze della casa madre potrebbe anche essere vincente. Il giorno della verità sarà domenica 26 febbraio, quando al Mobile World Congress di Barcellona Nokia presenterà tre nuovi smartphone (di cui uno top di gamma) e darà anche il via all’operazione revivalistica dello storico 3310. Si tratta di una sfida davvero complicata, dal momento che in questi anni altri brand si sono fatti strada nel mercato e hanno fidelizzato i consumatori. Pensiamo a Huawei ad esempio, che è in grado di produrre smartphone di ultima generazione a prezzi contenuti. Basterà il passato glorioso per vivere uno futuro splendente? Staremo a vedere, fra nove giorni ne sapremo di più.